4 banchieri centrali si impegnano su educazione finanziaria

Giu 16, 2022

  • Condividi l'articolo

    Chiude la tre giorni dello Young Factor e quattro banchieri centrali – Ignazio Visco, François Villeroy, Klaas Knot e Pablo Hernandez de Cos – sottoscrivono “un impegno che li vedrà coinvolti nell’ International Advisory Board dell’Osservatorio Permanente Giovani Editori con l’obiettivo di portare in Europa più educazione economico finanziario”. A dare l’annuncio che ha preceduto la firma del memorandum, il presidente dell’Osservatorio, Andrea Ceccherini che ha sottolineato come “l’educazione finanziaria sia non più un optional ma un must per essere cittadini, per chi vuole essere in gioco e non fuori dal gioco”.
        “L’educazione economica e finanziaria ha un’importanza fondamentale per la nostra sfera culturale, civica, sociale e politica. Una società meglio informata sulle dinamiche economiche e finanziarie – si legge nel testo del memorandum – è fondamentale anche per promuovere la democrazia e affrontare scenari politici, sociali o ambientali avversi”. Inoltre il “rafforzamento del senso di appartenenza all’Unione Europea, non solo come confederazione di Stati membri, ma anche come comunità di ideali e di persone, ci aiuterà a portare avanti il sogno dei suoi fondatori di creare pace e prosperità per le nuove generazioni” conclude il memorandum
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Ucraina: media, attacco missilistico su Kiev

    Alcune esplosioni sono state sentite all'alba a Kiev. Lo riferisce il Kiev Independent, che parla di tre deflagrazioni. Secondo quanto riportato sui social le esplosioni sarebbero state più numerose, almeno quattro, e sono state causate da missili da crociera russi:...

    Triplicano gli stoccaggi di gas giornalieri

    Triplicano gli stoccaggi di gas giornalieri

    Nessuno si aspettava fosse facile, ma la corsa verso il 90% di stoccaggi di gas pieni entro ottobre può diventare una specie di scalata all'Everest per l'Italia. Tutto è complicato dal taglio delle forniture russe, dai prezzi esosi del gas e ora anche dai contestatori...