45 giornalisti uccisi in tutto il mondo nel 2021

Dic 31, 2021

Condividi l'articolo

(ANSA) – PARIGI, 31 DIC – Un totale di 45 giornalisti sono
stati uccisi in tutto il mondo nel 2021. Lo ha reso noto
l’International Federation of Journalists (IFJ), “uno dei
bilanci più bassi” in assoluto. Due settimane fa Reporters
Without Borders ( RSF) aveva dato conto di 46 omicidi,
confermando si trattasse della cifra più bassa da quando aveva
iniziato questa statistica, nel 1995.
    “Anche se la diminuzione nel numero delle vittime è una buona
notizia, si tratta di un piccolo conforto di fronte alla
continua violenza”, ha affermato l’IFJ.
    L’Afghanistan è il Paese che ha registrato più morti, 9. In
Messico si contano 8 giornalisti uccisi, in India 4 ed in
Pakistan 3. L’area più colpita è la regione Asia-Pacifico, con
20 omicidi. Ce ne sono stati 10 nelle Americhe, 8 in Africa, 6
in Europa ed uno in Medio Oriente.
    Gli operatori dell’informazione, ha rilevato l’organismo, “il
più delle volte vengono uccisi per aver denunciato corruzione,
criminalità e abuso di potere nelle loro comunità, città e
paesi”. E mentre “i rischi associati ai conflitti armati si sono
ridotti negli ultimi anni” perché un minor numero di giornalisti
è stato in grado di riferire dal terreno, “continuano ad
aumentare le minacce delle bande criminali e dei cartelli della
droga, dalle baraccopoli in Messico alle strade delle città
europee in Grecia e Paesi Bassi”.
    Il segretario generale dell’IFJ Anthony Bellanger ha
sottolineato il sostegno della sua organizzazione a una
convenzione delle Nazioni Unite che “assicuri l’accertamento
delle responsabilità per le uccisioni dei giornalisti”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte