• A 2 anni morte Maradona il docu Daniel Pennac su Sky il 25/11

    Condividi l'articolo

     A 2 anni dalla scomparsa di quello che per molti è stato il più grande calciatore di tutti i tempi arriva su Sky Arte Daniel Pennac: Ho visto Maradona!, il documentario che racconta l’indagine creativa e surreale dello scrittore francese sull’impatto emotivo del mito Maradona nell’immaginario collettivo.
        In esclusiva su Sky Arte venerdì 25 novembre alle 21.15, in streaming solo su NOW e disponibile on demand, è un racconto unico e originale che segue il processo di creazione e messa in scena di uno spettacolo teatrale su un tema appassionante e popolare come Maradona e il suo mito. Il tutto a Napoli, palcoscenico e megafono del mito stesso.
        Pennac racconta il Dio, il santo, l’icona, l’anti-eroe e il capro espiatorio, “San Diego” e l’ultimo dei Malaussène, unicamente attraverso l’impatto che il campione ha avuto sulla vita e sulle storie di persone comuni e maradoniani doc. Mentre costruisce lo spettacolo omonimo con la sua compagnia teatrale multietnica e girovaga, Pennac, meravigliato e innamorato della città di Napoli, ci regala un ritratto di Maradona inedito e appassionante.
        Un’opera che ibrida il linguaggio teatrale e quello cinematografico e che diventa anche un viaggio attraverso Napoli, città allo stesso tempo protagonista e oggetto del documentario, palcoscenico e megafono del mito stesso di Maradona.
        Per comprendere a fondo il legame viscerale che ancora unisce il calciatore argentino alla città di Napoli, Pennac si affida a tre partenopei doc: Luciano Ferrara autore dell’immagine iconica di Diego che sale per la prima volta gli scalini dell’ex Stadio San Paolo il 5 luglio 1984; Maurizio De Giovanni, che si sofferma sul racconto di quando il Diez improvvisò un palleggio per poi scagliare la palla verso le tribune; e Roberto Saviano, testimone di quando i tifosi napoletani ammainarono le bandiere dell’Italia e cominciarono a sostenere Maradona durante Italia-Argentina dei Mondiali del ’90. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte