A Siemens Healthineers Future Summit le sfide sanità futuro

Mag 13, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – MILANO, 13 MAG – Affrontare e supportare la
    trasformazione in atto nella sanità con tecnologie di ultima
    generazione per migliorare la qualità delle prestazioni e
    rispondere alla costante crescita di domanda di salute. E questo
    al fine di rispondere alle criticità dei sistemi ospedalieri,
    dalla mancanza di personale, al progressivo invecchiamento del
    capitale tecnologico, dalla difficoltà di reperimento dei
    materiali entro le scadenze, fino alla necessità di rispondere a
    sempre più stringenti standard qualitativi. E’ uno degli
    obiettivi indicati nel ‘Siemens Healthineers Future Summit – Le
    nuove frontiere dell’healthcare’, un viaggio in cinque tappe su
    tutto il territorio nazionale, partito questo pomeriggio da
    Milano. Nel convegno è stato affrontato il tema del sostegno
    della rivoluzione digitale in sanità con investimenti per la
    creazione di piattaforme tecnologiche e competenze che estendano
    la cura al di fuori delle strutture sanitarie. Un percorso che,
    come è stato spiegato nel convegno, va attivato attraverso un
    utilizzo oculato delle risorse messe a disposizione dal Pnrr. “Per costruire una sanità sostenibile è necessario definire
    nuovi modelli di assistenza e di erogazione dei servizi che
    pongano il paziente al centro e con un ruolo attivo nella
    gestione della propria salute”, ha affermato Roberta Busticchi
    Presidente e ceo Siemens Healthineers. “L’altra variabile
    dell’equazione sono gli investimenti nelle tecnologie del futuro
    e nella digitalizzazione che possano permettere una gestione
    olistica, efficiente e sostenibile del paziente”.
        All’interno del convegno, una delle risposte indicate per
    ridisegnare la sanità territoriale sono i servizi di
    telemedicina, che contribuirebbero a ridurre gli attuali divari
    geografici, migliorare l’esperienza di cura per i pazienti,
    efficientare i sistemi sanitari regionali. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    Morto Bo Hopkins,volto di American Graffiti e Fuga di mezzanotte

    E'  morto all'età di 80 anni. L'attore americano Bo Hopkins, che recitò in classici come 'American Graffiti', 'Fuga di mezzanotte' e 'Il mucchio selvaggio' è morto all'età di 80 anni.       Dallo sguardo feroce, Hopkins era diventato...

    Pallanuoto: per la Pro Recco scudetto numero 34

    Pallanuoto: per la Pro Recco scudetto numero 34

    (ANSA) - RECCO, 29 MAG - La Pro Recco ritorna sul tetto d'Italia: i biancocelesti vincono la "bella" con il Brescia per 5-2 e conquistano lo scudetto numero 34. Ivovic e compagni trionfano nella storica vasca di casa (da dove mancavano da anni), tredici anni dopo...