Aggressioni Duomo:vittime sentite ancora su violenze brutali

Mag 2, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – MILANO, 02 MAG – Hanno di nuovo messo a verbale il
    loro dramma e le violenze subite la notte dello scorso Capodanno
    in piazza Duomo a Milano, quando sono state circondate e
    aggredite sessualmente, alcune delle ragazze vittime della “furia brutale” del “branco’”, un’orda di giovani che le ha
    costrette a subire abusi a volte anche per venti minuti.
        Oggi, infatti, davanti al gip Raffaella Mascarino è iniziato
    l’incidente probatorio per ‘cristallizzare’ le loro
    dichiarazioni già rese, assieme ai riconoscimenti fotografici,
    in vista del processo. Incidente probatorio che proseguirà anche
    il 6 maggio e che era stato richiesto dal pm Alessia Menegazzo e
    dal procuratore aggiunto Letizia Mannella, titolari
    dell’indagine che ha portato in carcere Mahmoud Ibrahim, 18
    anni, fermato a Milano, e Abdallah Bouguedra, 21enne di Torino.
        Per la vicenda anche la magistratura minorile ha disposto
    l’arresto di un 16enne egiziano senza fissa dimora e di un
    connazionale 17enne con permesso di soggiorno. Il Riesame, tra
    l’altro, ha deciso che la custodia in carcere vada applicata
    anche al 19enne Abdel Fatah (la sua difesa, però, ha fatto
    ricorso in Cassazione).
        Stamani sono state ascoltate, davanti a giudice, inquirenti e
    difensori degli arrestati, quattro amiche che subirono abusi
    vicino alla Galleria Vittorio Emanuele II e nel pomeriggio
    saranno sentite due ragazze che con lo stesso schema furono
    aggredite all’angolo con via Mazzini (le violenze su una di loro
    vennero documentate in un noto video). “Mi sono ritrovata per
    terra, senza riuscire a rialzarmi e sentendomi soffocare, ho
    iniziato a pensare di morire. Ero atterrita dalla paura, mentre
    la mia amica strillava”: questo solo uno dei tanti racconti già
    emersi dagli atti e confermati nell’incidente probatorio. Tra le
    vittime, in totale una decina, anche due turiste tedesche.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Da ladro di merendine a interprete ucraino per la Caritas

    Da ladro di merendine a interprete ucraino per la Caritas

    (ANSA) - ANCONA, 17 MAG - Da ladro di merendine a traduttore per la Caritas, per aiutare i profughi in fuga dalla guerra in Ucraina. E' la storia di un 17enne ucraino che vive da anni ad Ancona con la madre. Quattro anni fa il minorenne è stato denunciato per furto...

    Omofobia: a Napoli lapide del 1924 testimonia amore gay

    Omofobia: a Napoli lapide del 1924 testimonia amore gay

    (ANSA) - NAPOLI, 17 MAG - "Michele Guadagnolo al suo diletto consorte Angelo Sannino anno 1924". Nel giorno dedicato alla lotta contro l'omofobia spunta, in uno dei cimiteri della città di Napoli, questa lapide, testimonianza di un legame gay in piena era fascista,...