Al Louvre la scultura italiana del Rinascimento

(ANSA) – PARIGI, OCT 21 – Un percorso artistico d’eccezione
per la mostra che apre il 22 ottobre al Louvre nella Hall
Napoleon dal titolo emblematico “Il Corpo e l’Anima”, da
Donatello a Michelangelo, con 140 sculture italiane del
Rinascimento, esposizione organizzata con il museo del Castello
Sforzesco di Milano sui capolavori della seconda metà del 15/o
secolo, con lo sbocciare nel suo massimo splendore della
raffigurazione della figura umana.
    Da Firenze a Venezia a Roma, le forme e i movimenti del corpo
conquistano il centro di interesse di alcuni fra i più grandi
artisti della storia, a cominciare da Michelangelo. Ma nella
mostra al Louvre si scoprono artisti meno celebri e si ritrovano
tutte insieme opere non sempre accessibili per la loro
collocazione abituale, in chiese, piccoli comuni o riserve dei
musei.
    Il Corpo e l’Anima è la “seconda puntata” della mostra che il
Louvre propose nel 2013 insieme con Palazzo Strozzi di Firenze,
consacrata agli albori dell’arte del Rinascimento a Firenze
nella prima metà del Quattrocento. Star dell’esposizione,
Michelangelo la cui inarrivabile ispirazione unita alla tecnica
senza pari conducono al punto d’arrivo del classicismo di inizio
16/o secolo con Lo Schiavo Morente, per arrivare poi all’inverso
alla dinamica ascendente dell’essere umano, che volge lo sguardo
verso il mondo divino nella figura atletica de Lo Schiavo
Ribelle.
    La mostra rimarrà aperta al pubblico al Louvre fino al 18
gennaio 2021. Dal 5 marzo al 6 giugno sarà poi visibile al Museo
del Castello Sforzesco di Milano. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte