• Al Matera film festival anche Patty Jenkins e Robin Wright

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – MATERA, 17 SET – “Il Matera Film Festival anche
    quest’anno prosegue nel percorso di ricerca e innovazione, sposa
    i temi dell’attualità e con la presenza di Patty Jenkins e Robin
    Wright continua a sviluppare il tema del rapporto cinema-fumetto
    e supereroi”. Così – secondo quanto reso noto in un comunicato –
    Dario Toma, presidente del festival, in programma nella Città
    dei Sassi dall’1 all’8 ottobre, ha presentato la terza edizione,
    il cui programma è stato illustrato nel Circolo Antico Tiro al
    Volo di Roma.
        L’edizione 2022 “continua nel solco dell’innovazione dei
    linguaggi, nell’attenzione ai contenuti culturali e nella
    capacità di intercettare ospiti di primo piano nazionali ed
    internazionali. Su tutti – è sottolineato nel comunicato –
    spiccano la cineasta statunitense Patty Jenkins, regista di
    grandi colossal come Wonder Woman (il primo episodio girato a
    Matera) e impegnata nel 2023 sui più importanti progetti Disney
    e di Star Wars. Oltre alla Jenkins saranno presenti al festival
    star del calibro di Robin Wright, protagonista della serie tv ‘House of Cards’, Violante Placido e Claudio Santamaria. Di
    assoluto interesse la presenza di Nicola Gratteri che terrà un
    talk sui temi della legalità e di Piers Handling. Inoltre, ci
    sarà una delle più prestigiose conferenze internazionali sulla
    figura di Pier Paolo Pasolini, a cui parteciperanno i più
    importanti studiosi del grande intellettuale del ‘900 italiano.
        Un concerto di Beppe Servillo e un altro di Paolo Vivaldi
    sviluppano la sezione musicale del progetto, mentre ad animare
    il ‘salotto del libro’ ci saranno personaggi come Allegra Gucci,
    Mariolina Venezia e Francesca Barra. Continuando a coltivare il
    filone narrativo ‘cinema e fumetto’ il festival ha realizzato
    nel Museo nazionale di Matera un’importante mostra per celebrare
    i 60 anni di Diabolik”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte