Alessandro Notarstefano, L’orizzonte degli eventi

Nov 19, 2021

  • Condividi l'articolo

    ALESSANDRO NOTARSTEFANO, L’ORIZZONTE DEGLI EVENTI (Nardini Editore, pp.380, 18 euro)

    Una riflessione sulla natura umana e sulle sue contraddizioni e fragilità, esplorando il dolore e la bellezza, i sogni e le illusioni: è questo il fulcro de “L’orizzonte degli eventi”, libro di Alessandro Notarstefano, edito da Nardini. Con una scrittura densa, puntellata di piccoli rimandi e suggestioni, in questo romanzo – il terzo dopo “Adelaide” (1987), e “Tradito dalla matita” (1994) – l’autore, giornalista e direttore della “Gazzetta del Sud”, racconta in una struttura non lineare e particolarmente evocativa le stagioni felici e quelle più grigie di una vita vissuta intensamente.
        Sulle pagine, i fotogrammi di un’intera esistenza riappaiono insieme, là dove il tempo, solo per un istante, s’allinea e s’azzera, in quel non luogo che è “l’orizzonte degli eventi”.
        Tanti i personaggi che appaiono in questa storia che ambisce a raccontare le storie di tutti diventando in un certo senso universale, dal bambino che ama gli aquiloni al fotoreporter che insegue la verità, dal vecchio che mette a bilancio i sentimenti attraversati nel corso degli anni fino a sette donne che lasciano il segno nella vita del protagonista, tra cuore e sesso, nostalgia e qualche rammarico.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte