Ambulante ucciso: fiaccolata a Civitanova, “basta violenza”

Ago 3, 2022

Condividi l'articolo

(ANSA) – CIVITANOVA MARCHE, 03 AGO – Una fiaccolata in
piazza XX Settembre a Civitanova Marche per esprimere
solidarietà e per accendere i riflettori sui temi
dell’accoglienza dopo il tragico omicidio del 29 luglio in cui è
stato ucciso Alika Ogorchukwu, 39enne nigeriano, venditore
ambulante, dopo una lunga aggressione da parte del 32enne
salernitano Filippo Ferlazzo a seguito di una richiesta di
elemosina. Una ventina le associazioni e organizzazioni
sindacali scese in piazza, a cominciare da Cgil, Cisl e Uil. Ha
partecipato all’evento anche la rete degli studenti. Bandiere e
qualche striscione per dire “basta violenza” e chiedere
giustizia. Una ragazza di 18 anni ha in mano un cartellone con
in mezzo un grande cuore, in cui si legge “Siate buoni tutto
l’anno e non solo a Natale” e si chiede di “mettere fine al
razzismo e all’indifferenza”.
    “Questa iniziativa nasce con l’intento di riportare al centro
i valori della collettività, della solidarietà e
dell’accoglienza”, dice all’ANSA il segretario generale della
Cgil della provincia di Macerata, Daniel Taddei, che aggiunge: “Siamo una rete di associazioni e organizzazioni sindacali che
quotidianamente si occupano delle problematiche della povertà,
dell’immigrazione e degli esclusi. Oggi – sottolinea – portiamo
una riflessione ampia su una società che respinge piuttosto che
accogliere”. Ricordando la morte di Alika, il segretario Cgil
dice che “è davvero impossibile comprendere come si possa
arrivare a riversare tanta rabbia cieca su una persona, ad
esprimere in un gesto così efferato, barbaro il disprezzo per la
vita umana; è assurdo pensare che un incontro casuale su un
marciapiede, in pieno centro città, possa scatenare una tale
violenza, consumata sotto gli occhi attoniti di tanti che hanno
assistito e fissato in immagini quanto accaduto, ma senza
riuscire a fare un qualunque gesto che potesse evitarlo”.
    Tra le adesioni quelle di: Refugees Welcome Macerata, Cgil,
Cisl, Uil, Arci, Anpi, Libera, Amnesty International Marche,
Rete studenti medi Marche, Gris Marche, Cnca Marche, Officina
universitaria, Articoli 1, Macerata bene comune, Sinistra
italiana, federazione provinciale Pd, Demos democrazia sociale,
Pd circolo Macerata e Auser. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte