• “Ammazza quanto è brutto”. Calenda sfotte l’ultima trovata di Letta

    Condividi l'articolo

    Avanti compagni: tutti a bordo. Oggi come ieri. Dalla gioiosa macchina da guerra al bus elettrico targato Pd il passo è breve, più di quanto si creda. Di improbabili mezzi a uso politico del resto si parla, pur con i necessari riadattamenti dettati dai tempi e dalle mode che cambiano. Un tempo la sinistra marciava compatta contro l’avversario politico, guidata da un certo furore ideologico; oggi (in modo più sgangherato) continua a fare lo stesso, ma a bordo di un pulmino alimentato a corrente. In pratica, dalla bandiera rossa sono passati al veicolo green.

    Il nuovo vessillo della sinistra dem ed ecologista è stato oggi sbandierato con un certo orgoglio dal segretario Pd Enrico Letta. Il leader di partito, che già nelle scorse settimane aveva annunciato ai suoi di voler girare l’Italia con un bus elettrico, sui social ha finalmente postato una foto del suddetto mezzo: di fatto, un furgoncino personalizzato con il logo Pd e con lo slogan della campagna elettorale dem, “Scegli”. A margine della foto, l’ex premier ha anche aggiunto una didascalia autocompiaciuta: “Cominciano le ultime due settimane. Quelle decisive. Oggi pomeriggio da Brescia partiamo col nostro EcoTour elettorale del bus elettrico del ⁦Pd. Per un’Italia Democratica e Progressista. Ed ecologista!“.

    Il messaggio del segretario Pd ha subito innescato le curiosità delle rete, concentratesi soprattutto sull’estetica non troppo convincente del pulmino progressista. Peraltro, notiamo che la personalizzazione del veicolo mostrato oggi da Letta è diversa da quella che lo stesso leader dem aveva esibito in una grafica solo un mese fa. In quel caso, a campeggiare era soprattutto il tricolore del logo Pd, mentre ora prevalgono i toni azzurri e verdi. Il dubbio gusto di tale scelta ha fatto scattare più di qualche sfottò e a infierire su Letta ci ha pensato – tra gli altri – pure Carlo Calenda.

    Il leader di Azione è infatti intervenuto nei commenti al post del segretario Pd per demolire il pulmino in tono ironico. “Ammazza che brutto. Ps. Secondo me ti hanno già rubato i cerchioni. Io non sono stato“, ha scritto Calenda. Il colmo è che l’osservazione caustica dell’ex ministro ha ottenuto sinora più like e condivisioni del contenuto proposto in origine da Letta. Quest’ultimo, tuttavia, non si è fatto turbare dalle prese in giro ricevute e anzi ha rincarando la dose pubblicando un successivo video nel quale lui stesso appare a bordo del pulmino. “Eccoci, siamo partiti. Il nostro EcoTour è cominciato“, ha affermato l’ex premier alzando il pollice a favore di telecamera.

    #Brescia. Ci siamo! #Scegli. pic.twitter.com/YDlsarwzIP

    — Enrico Letta (@EnricoLetta) September 9, 2022

    Il voto intanto si avvicina, tra polemiche, mezzi, mezzucci. E bus elettrici.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte