>ANSA-BOX/Maltempo forte sull’Italia da lunedì sera per 24h

Condividi l'articolo

(ANSA) – ROMA, 20 NOV – Dalla sera di lunedì 21 novembre a
partire dalle 20 circa e per le successive 24 ore l’Italia sarà
sferzata dal passaggio di una tempesta molto rapida ma forte e
intesa proveniente da Ovest. Massima attenzione per alcune
regioni. In particolare la Liguria, nel settore di Levante, dove
si prevede “la situazione più pericolosa per il fatto che viene
interessata da subito dall’area pre-frontale della
perturbazione”. Queste le previsioni di Antonio Sanò, direttore
e fondatore del sito www.iLMeteo.it. Colpite da questo
passaggio, dice Sanò, “anche la Sardegna e via via, con lo
scorrere delle ore la Toscana (dove però già dal pomeriggio di
martedì 22 novembre il tempo dovrebbe migliorare), e soprattutto
poi il Lazio, nella zona del Golfo di Gaeta, e la Campania,
soprattutto nel Cilento. La perturbazione interesserà anche
Abruzzo, Basilicata e Molise”. Al Nord, invece, “massima
attenzione nel Bellunese, nella zona dove la tempesta Vaia
distrusse un intero territorio nel 2018. Previsti venti forti di
scirocco. Come anche sulle regioni del Nordest. E acqua alta a
Venezia. Sulle vette delle Alpi orientali, invece, tempo
prettamente invernale per lo scontro dell’aria fredda
proveniente dalle isole britanniche e dalla Scandinavia con
l’aria più calda di scirocco”. Situazione che localmente provoca
la cosiddetta “goccia fredda con anche 80cm di neve a basse
quote, 900metri, e addirittura, come alcuni modelli indicano,
neve anche a valle, determinando un tempo più invernale che
autunnale”.
    Dopo questo passaggio “mercoledì – afferma Sanò – sarà tutto
finito. Il sole tornerà a splendere un po’ su tutta la Penisola.
    I venti saranno di tramontana sul Lazio e di maestrale sulla
Sardegna. Le temperature minime raggiungeranno 1 grado a Milano
e Torino ma la massima sarà intorno a 10. Mentre a Palermo e
Cagliari, pur se con i venti, la massima si attesta sui 20
gradi, 17 gradi di massima a Roma ma con tramontana”. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte