• Atletica: Ceccarelli, posso sognare per Olimpiadi di Parigi

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – FIRENZE, 18 MAR – “Penso più alle Olimpiadi di
    Parigi rispetto a come pensavo a Tokyo. E’ una cosa molto più ‘sognabile’, rimane sempre un obiettivo molto ambizioso e una
    cosa molto difficile da raggiungere, ma non si può sapere mai
    cosa può succedere. Io stesso non pensavo di vincere un
    campionato europeo come è successo, quindi chissà cosa può
    succedere da qui al 2024”. Lo ha detto Samuele Ceccarelli,
    vincitore della medaglia d’oro nei 60 metri agli ultimi Europei
    indoor ad Istanbul nei 60 metri, oggi alla cerimonia di consegna
    del Pegaso d’oro, massimo riconoscimento istituzionale della
    Regione Toscana.
        Per quanto riguarda le gare all’aperto, in attesa del
    calendario, “esordirò sicuramente a metà giugno, poi ci sarà da
    definire bene dove e come, per questioni di allenamento la
    condizione potrebbe iniziare ad arrivare verso quel periodo, e
    dà lì in poi si inizierà a pianificare in accordo con allenatore
    e procuratore quelli che sono gli appuntamenti da poter
    aggiungere anche in ottica futura – ha aggiunto Ceccarelli -.
        L’obiettivo è quello di qualificarsi anche per i prossimi
    Mondiali all’aperto”. Nel futuro, ha detto Ceccarelli, “vedremo
    cosa ci riserverà il destino, si continua a lavorare per cercare
    di fare il meglio possibile e portare a casa altri risultati,
    speriamo. Ora si lavorerà anche per allungare la distanza di
    corsa, in allenamento finalizzeremo per aggiungere quei 40 metri
    ai 60 che già corro e che sono già una buona base”.
        Sul suo rapporto con Marcell Jacobs, Ceccarelli ha
    confessato: “Facciamo sempre battute. L’altro giorno a Roma
    stava spingendo molto forte in allenamento, è arrivato in fondo
    stanco e mi ha detto: “Guarda che questo è colpa tua”. Abbiamo
    un bel rapporto amichevole”.
        Dopo la vittoria agli ultimi Europei indoor “la mia vita è
    sicuramente cambiata dal punto di vista mediatico – ha ammesso
    -. Non sono abituato a tutte queste attenzioni nei miei
    confronti, è un qualcosa che fa piacere perché è un
    riconoscimento in più già di per sé buono al quale però piano
    piano cerco di abituarmi e di renderlo parte della mia
    quotidianità. Ho ricevuto diversi messaggi di ragazze e ragazzi
    giovani che mi hanno indicato come un esempio”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte