Aviaria nel Ferrarese, 50mila tacchini sotto sequestro

Nov 10, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 10 NOV – A meno di un mese dall’emergenza
    sanitaria di Codigoro (dove a fine ottobre sono stati abbattuti
    quasi 38mila tacchini), c’è un altro focolaio di influenza
    aviaria nel Basso ferrarese che ha portato, per ora, al
    sequestro precauzionale di quasi 50mila tacchini. Lo riporta la
    stampa locale.
        Oggetto del provvedimento un allevamento avicolo a Lagosanto
    che fa capo – scrive la Nuova Ferrara – a una società parte del
    gruppo Amadori. Il focolaio di influenza aviaria, secondo quanto
    riportato, è stato riscontrato lo scorso 5 novembre e il virus
    rilevato è di tipo A H5N1, con un livello che viene definito “di
    bassa patogenicità”. È scattata l’allerta all’Asl di Ferrara e
    all’amministrazione comunale che hanno adottato provvedimenti
    urgenti per impedire il diffondersi della malattia.
        Nell’allevamento ci sono quasi 50mila tacchini da carne.
        L’ordinanza firmata dal sindaco Cristian Bertarelli al momento
    dispone il sequestro degli animali in allevamento, col divieto
    di farli uscire, sia vivi sia eventuali carcasse. Divieto anche
    di introduzione di altri animali. Impedito l’accesso a chiunque
    non sia impegnato nella gestione del focolaio. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Il Papa oggi tra i rifugiati a Lesbo, poi messa ad Atene

    Il Papa oggi tra i rifugiati a Lesbo, poi messa ad Atene

       Nella penultima giornata del suo viaggio a Cipro e in Grecia, papa Francesco va oggi tra i rifugiati fermi nell'isola di Lesbo, da lui già visitata il 16 aprile 2016. Il Pontefice si recherà nel 'Reception and Identification Centre' in località...

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...