Azzurri, entusiasmo Raspadori: ‘Rimettiamoci in gioco’

Condividi l'articolo

 ”Abbiamo tutti voglia di fare bene, mettersi in gioco e dimostrare il nostro valore, ci aspettano due gare importanti, dobbiamo arrivare nel migliore dei modi specie dal punto di vista fisico”. L’entusiasmo di Giacomo Raspadori aspettando le sfide contro Inghilterra e Ungheria assolutamente da vincere, come ha sottolineato il ct azzurro, per ambire a conquistare il primo posto nel girone di Nations League. Non è un momento semplice per il calcio italiano dopo l’esclusione per la seconda volta di fila dal Mondiale ma il giovane talento del Napoli invita a guardare avanti. ”Non siamo preoccupati ma decisi a ripartire con coraggio” – ha ribadito l’attaccante classe 2000 che si è laureato campione d’Europa nell’estate 2021 quando un po’ a sorpresa Mancini lo portò in Inghilterra.
    La delusione per la mancata partecipazione al Mondiale che comincerà fra due mesi è ancora molto forte e Raspadori, finora 13 presenze e tre reti in azzurro, non lo ha nascosto: ”Giocare quella competizione è il sogno di ogni bambino, sarà difficile non esserci. Però – ha aggiunto – bisogna guardare oltre, reagire e ripartire. E il modo migliore per ritrovare entusiasmo è tornare a divertirsi in campo, con grandi ambizioni. E lavorare, la sola strada che conosco per fare di nuovo qualcosa di grande. Non credo l’entusiasmo sia mancato nei mesi scorsi ma dopo un risultato così grande come la vittoria di un Europeo è normale che qualcosa si sia spento”. Intanto si gode il bel momento che sta vivendo con il Napoli capolista in campionato (insieme all’Atalanta) e protagonista in Champions dove ha appena festeggiato il primo gol nella gara vinta in Scozia contro i Rangers: ”Sono davvero molto soddisfatto, essendo ambizioso cercavo qualcosa per continuare a crescere e a migliorare il mio percorso. A Napoli mi sto trovando benissimo, è come essere entrato in una famiglia, ho trovato persone per bene e compagni di spessore. Ringrazio mister Spalletti e la società per avermi voluto. Cosa porterei del Napoli in Nazionale? Il coraggio di attaccare sempre e la spensieratezza nell’affrontare le partite”. 
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte