“Bastardi”, “Ma quanto gli rode?”. La replica di Salvini a Saviano

Condividi l'articolo

Roberto Saviano continua a lanciare strali contro il governo italiano e, in particolare, Giorgia Meloni e Matteo Salvini, ma a rispondergli una volta per tutte ci ha pensato il vicepremier e segretario della Lega, che ha dedicato allo scrittore campano ben poche parole.

In una recente intervista a La Stampa, Saviano ha rivendicato uno dei tanti insulti lanciati contro i due leader di centrodestra, ossia quel “bastardi” pronunciato durante una puntata di PiazzaPulita andata in onda nel 2020. In quell’occasione, parlando di immigrazione, lo scrittore dichiarò: “Vi sarà tornato alla mente tutto il ciarpame detto sulle ong: ‘taxi del mare’, ‘crociere’… viene solo da dire bastardi. Meloni, a Salvini, bastardi, come avete potuto? Come è stato possibile, tutto questo dolore descriverlo così?“.

L’insulto costò all’autore una querela da parte di Giorgia Meloni, alla quale il giudice per le indagini preliminari dette anche ragione, dando avvio al processo per diffamazione. Poco è importato allo scrittore di Gomorra che, intervistato da La Stampa, ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di fare passi indietro.

Dichiaratosi fiero di aver insultato il presidente del Consiglio Meloni e il ministro delle Infrastrutture Salvini, Roberto Saviano ha infatti affermato: “Rivendico la mia indignazione e il mio più profondo disprezzo“.

Non si è fatta attendere la replica di Matteo Salvini, uno dei bersagli preferiti dell’autore campano. Ripostando le parole di Saviano, Salvini ha commentato su Twitter: “Io e Giorgia ‘bastardi’. Saviano, ma quanto gli rode poverino?“.

E, in effetti, un certo nervosismo, non solo nello scrittore di Gomorra, ma in tutta la sinistra, lo si è visto, specie dopo l’esito inequivocabile delle ultime elezioni politiche. Difficile per certi personaggi accettare la vittoria del centrodestra.

Non sono mancati neppure i messaggi degli utenti del famoso social. “Ma fargli mettere all’asta l’attico a Manhattan per risarcimenti dovuti, no?“, ha suggerito un follower del ministro. “Saviano ormai è il meme di se stesso“, ha concluso un utente.


Fonte originale: Leggi ora la fonte