BELLARIA IGEA MARINA. Pizzi, ricami ed ecosostenibilità 

Apr 29, 2022

  • Condividi l'articolo

     

     

    Bellaria Igea Marina. Al Palacongressi di Bellaria Igea Marina (RN) nell’ambito di Manidoro Fiera, la mostra-mercato dedicata all’arte del ricamo della tradizione italiana ed estera, le arti antiche e sempre attuali del ricamo e del merletto incontrano la moda e i trend della modernità nelle particolari installazioni che costituiscono l’itinerario espositivo.

    L’evento, promosso e organizzato da Manidoro srl, con il patrocinio della Provincia di Rimini, Comune di Bellaria Igea Marina, Camera di Commercio della Romagna, Forlì-Cesena e Rimini e con il supporto e il contributo di Banca Malatestiana, Ruggeri, Bergamasco, Gabriella Molinari, fa fulcro attorno al tema dal titolo ‘Manicrative… Elogio all’artigianato italiano’ e alla imponente ‘Italia’ che accoglie i visitatori al loro arrivo nella hall centrale del Palacongressi. La grande installazione è realizzata in merletto, ricamo e macramè; alcune regioni sono state elaborate con le tecniche della propria tradizione.

     

    Altra novità di questa sesta edizione di Manidoro Fiera è l’appartamento ecosostenibile, uno spazio ‘domestico’ dove l’arte del ricamo sposa il design contemporaneo e i trend del momento. Cinquanta metri quadri arredati con mobili in cartone, tutti di design: soluzioni di arredo ecologico e innovativo che rispettano la salute dell’uomo con il minor impatto possibile sull’ambiente senza rinunciare ai requisiti di ergonomia, durevolezza e praticità. Tutti gli allestimenti, dai quadri, ai cuscini alle coperte, ai tappeti, sono opere realizzate a mano con le tecniche del ricamo, del merletto, del macramè, ispirate alla street art, all’astrattismo, alla modernità più estrema e di tendenza per una narrazione del ricamo del tutto nuova e inusuale, in una esposizione di forte impatto scenico, unica e originale che sposa la filosofia del benessere e del rispetto dell’ambiente con una ricerca di materiali, tessuti, lavorazioni basata sull’utilizzo di materiali naturali e riciclabili che esprimono con immediatezza l’impegno ecologista di chi li ha ideati, progettati creati e, naturalmente, di chi ne fa uso. Progetto di Alessandra Caputo, presidente Associazione Merletto Italiano, in collaborazione con Manidorofiera, realizzato da Mara Parma Prioli. Il progetto è stato accolto e sostenuto da Banca Malatestiana, che ha sposato un modus operandi votato alla sostenibilità ambientale, divenuto ormai una priorità del suo agire quotidiano, così come dichiarato dal pay-off ‘l’ambiente in testa’. “Siamo orgogliosi di sostenere questo progetto che parla di sostenibilità ma anche di tradizioni: due temi a noi molto cari, perfettamente coniugati all’interno dell’appartamento ecosostenibile – dichiara il Presidente di Banca Malatestiana Enrica Cavalli – I concetti di tradizione e innovazione infatti non devono essere visti come antitetici, ma assolutamente in relazione per un futuro migliore all’insegna della sostenibilità.”

    Ricco anche il programma delle conferenze: la presentazione del progetto Ricamiamo Giocando e del manuale creativo per bimbi dai sei anni in su; la conferenza dal titolo: “Una storia ritrovata: i Piattelletti di Fano dalle eccellenze antiche a quelle moderne. L’affascinante storia delle maestranze marchigiane.”; la presentazione del Progetto per la realizzazione di un laboratorio di sartoria creativa e ricamo 

    presso un istituto penitenziario; e la conferenza dal titolo “Il Filo per il Futuro”. 

    Infine ma non da ultima l’esposizione di alcuni capi d’abbigliamento e accessori che rientrano a pieno titolo nella dialettica dell’alta moda che oggi sposa le antiche tecniche del merletto per impreziosire in maniera unica ed esclusiva oggetti e capi che fanno mostra di sé sulle passerelle delle più famose e prestigiose Maison. 

     

    Per maggiori informazioni: info@manidorofiera.it – 331.8756060

  • Interrotta la fornitura di gas dalla Russia alla Finlandia

    Interrotta la fornitura di gas dalla Russia alla Finlandia

    Azovstal è caduta. Dopo 86 giorni di resistenza che hanno segnato le sorti e l'immaginario della guerra, l'acciaieria simbolo della difesa di Mariupol e dell'Ucraina non è più un bunker inespugnato. L'impianto è "totalmente sotto il controllo delle forze armate...