Bellaria. Marocchino rifiuta di fornire indicazioni sulla propria identità e prende i militari a calci e pugni

Feb 16, 2021

  • Condividi l'articolo

    LEGIONE CARABINIERI “EMILIA ROMAGNA”

    COMPAGNIA DI CESENATICO

     

    NELLA MATTINATA DI DOMENICA 14 FEBBRAIO U.S., MILITARI DEL DIPENDENTE N.O.RM. – ALIQUOTA RADIOMOBILE HANNO TRATTO IN ARRESTO UN TRENTANOVENNE CITTADINO MAROCCHINO, ASSERITAMENTE DOMICILIATO IN BELLARIA – IGEA MARINA (RN), CELIBE, OPERAIO, GIA’ CENSITO PENALMENTE, POICHE’ RITENUTO RESPONSABILE DELLA VIOLAZIONE DI CUI AGLI ARTT. 337 (RESISTENZA A UN PUBBLICO UFFICIALE), 582 (LESIONI PERSONALI) E 651 DEL C.P. (RIFIUTO DI INDICAZIONE SULLA PROPRIA IDENTITA’ PERSONALE). OCCORSO, MILITARI OPERANTI SONO INTERVENUTI IN QUESTA VIA CECCHINI, SU DISPOSIZIONE DELLA DIPENDENTE C.O., NEI PRESSI DEL SUPERMERCATO “DI PIU’’”, OVE IL PREVENUTO ERA STATO NOTATO DA ALCUNI CITTADINI AGGIRARSI A PIEDI CON ATTEGGIAMENTO SOSPETTO TRA LE MACCHINE IN SOSTA. ALLA VISTA DEI MILITARI, LO STRANIERO DAPPRIMA RIFIUTAVA DI FORNIRE INDICAZIONI SULLA PROPRIA IDENTITA’, PER POI OPPORRE VIVA RESISTENZA NEI LORO CONFRONTI AL FINE DI EVITARE IL CONTROLLO E L’IDENTIFICAZIONE, SPINTONANDOLI E TENTANDO RIPETUTAMENTE DI DIVINCOLARSI CON CALCI E PUGNI PRIMA DI VENIRE DEFINITIVAMENTE BLOCCATO, NEUTRALIZZATO E CARICATO A BORDO DELL’AUTOVETTURA DI SERVIZIO. NELLA CIRCOSTANZA, UNO DEI DUE MILITARI OPERANTI, COLPITO AL VOLTO, HA RIPORTATO LESIONI GIUDICATE GUARIBILI IN GG. 5 (CINQUE) S.C. DA SANITARI DELL’OSPEDALE “G. MARCONI” DI CESENATICO (FC).

    ALLA LUCE DI QUANTO ACCERTATO, SI PROCEDEVA A TRARRE IN ARRESTO L’UOMO, IN FLAGRANZA DI REATO. DELL’AVVENUTO ARRESTO VENIVA DATA TEMPESTIVA COMUNICAZIONE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI FORLI’, NELLA PERSONA DEL SOSTITUTO PROCURATORE DI TURNO – DOTT.SSA SARA POSA -, LA QUALE, RESA EDOTTA DI QUANTO ACCADUTO, DISPONEVA CHE L’ARRESTATO VENISSE TRATTENUTO PRESSO LE CAMERE DI SICUREZZA DI QUESTO COMANDO IN ATTESA DELLA CELEBRAZIONE DEL RITO DIRETTISSIMO, TENUTOSI NELLA MATTINA DI LUNEDI’ 15 FEBBRAIO U.S., AL TERMINE DEL QUALE, IL GIUDICE DEL TRIBUNALE DI FORLI’ – DOTT.SSA ELISABETTA GIORGI – CONVALIDAVA L’ARRESTO OPERATO DALLA P.G., APPLICANDO CONTESTUALMENTE AL PREFATO LA MISURA CAUTELARE DELL’OBBLIGO DI PRESENTAZIONE ALLA P.G. COMPETENTE SUL LUOGO DI RESIDENZA.

     

     

    IL COMANDANTE

    (Cap. Flavio Annunziata)