“Berlusconi al Colle? Mi vergognerei di essere italiano”: le parole choc di Davigo

Nov 16, 2021

  • Condividi l'articolo

    A sinistra non si danno pace. Il solo fatto che il nome di Silvio Berlusconi circoli per la corsa al Quirinale crea, da quelle parti, isterismi, mancamenti, reazioni impetuose. E attacchi gratuiti. Come quello formulato a diMartedì da Piercamillo Davigo. All’ex magistrato di Mani Pulite è bastato considerare l’ipotesi di ritrovarsi il Cavaliere alla presidenza della Repubblica per perdere il controllo e sparare la dichiarazione fragorosa a favore di telecamera.

    Durante il dibattito su La7, era stato il conduttore Giovanni Floris a stuzzicare Davigo sull’argomento, andando a toccare le corde giuste per provocare l’ospite. “Se si trovasse presidente della Repubblica Berlusconi, tra qualche mese?“, ha domandato il giornalista all’ex magistrato. E lui, d’istinto: “Comincerei a vergognarmi ancora di più di essere italiano“. Una frase roboante e non troppo democratica a ben vedere, che lì per lì ha creato un momento di gelo, prima che il confronto ripartisse. Non è certo la prima volta che Davigo esprime la propria ostilità a Silvio Berlusconi; lo aveva fatto anche in un suo libro di recente pubblicazione, nel quale aveva addirittura riletto a modo suo le sentenze dei processi Sme e Mondadori, nei quali il Cavaliere era stato assolto con formula piena. Secondo l’ex magistrato, tuttavia, il leader di Forza Italia non è da considerarsi un innocente ma un colpevole “che l’ha fatta franca“.

    Sicché, il tenore delle odierne uscite di Davigo sull’ipotetica elezione al Quirinale di Berlusconi non stupisce affatto e anzi, si aggiunge solo a quello che si può considerare un variegato repertorio. Nella medesima puntata di diMartedì, l’ex magistrato ha anche commentato l’indagine che lo vede coinvolto a Brescia con l’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio.Non è un cerchio che si chiude“, ha commentato Davigo in riferimento a chi fa notare che ora è lui a vivere la giustizia dall’altra parte del tavolo. Poi ha aggiunto: “Ho già detto che è una imputazione che io trovo sconclusionata, non sono preoccupato. Non me la prendo con la Procura, mi difenderò nelle sedi opportune“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Scherma: a Bologna la rivincita della finale di Tokyo

    Scherma: a Bologna la rivincita della finale di Tokyo

    (ANSA) - BOLOGNA, 04 DIC - Al Paladozza di Bologna andrà in scena la rivincita della finale di Tokyo: lo sciabolatore della Virtus Bologna Luigi Samele sfiderà lunedì, alle 18,30, l'ungherese Áron Szilágyi, vincitore della medaglia d'oro ai Giochi. A organizzare...

    Messi, ‘non mi importa se sono il migliore o meno’

    Messi, ‘non mi importa se sono il migliore o meno’

    (ANSA) - ROMA, 04 DIC - "Non mi importa se sono il migliore o meno. Essere considerato tra i più grandi della storia è più che sufficiente". Dopo la conquista del suo settimo Pallone d'oro Lionel Messi si racconta su France Football, affrontando anche il tema della...