Bisio-Incontrada, a Zelig per ridere dal vivo

Nov 17, 2021

  • Condividi l'articolo

       Che ruolo ha una risata nella vita? ”Direi fondamentale. Ho costruito un’intera carriera intorno alla comicità, per quanto abbia fatto anche cose più serie e impegnate. Ma alla fine la mia indole, nella vita come nel lavoro, mi porta sempre a strappare una risata”, dice Claudio Bisio, mentre Vanessa Incontrada spiega: ”Per me la risata è sinonimo di stare bene, non potrei ridere se non stessi bene e per questo ne cerco sempre di più, perché ridere e vedere ridere le persone che mi sono accanto mi regala pace”. Claudio Bisio e Vanessa Incontrada ripartono con una risata al timone di Zelig, in onda da giovedì 18 novembre in prima serata su Canale 5, dopo 12 anni di nuovo insieme sul palco dello storico cabaret per tre serate evento – le altre due il 25 novembre e il 2 dicembre – che avranno tra i protagonisti Teresa Mannino, Teo Teocoli, Maurizio Lastrico, Raul Cremona, Mister Forest, Anna Maria Barbera, Giuseppe Giacobazzi, Giovanni Vernia e tanti altri che si alterneranno sul palco insieme a tante inedite scoperte del mondo della comicità contemporanea.
       È, infatti, nel dna di “Zelig” la missione di scovare giovani talenti fortemente sostenuta dagli ideatori dello storico cabaret – Gino&Michele e Giancarlo Bozzo – da sempre fucina di nuovi comici. Il programma torna in tv – dopo aver fatto registrare il tutto esaurito al TAM Teatro degli Arcimboldi – per regalare ai telespettatori momenti esilaranti e di leggerezza. Inoltre, l’occasione celebra il sodalizio cresciuto negli anni tra Mediaset e Zelig che festeggia così i 25 anni in tv – la prima puntata andò in onda nel 1996 su Italia 1 – e i 35 anni di attività.

    Come si può far ridere dopo una pandemia?
    Claudio Bisio: Come sempre. Mi viene in mente un bel film “Good Morning Vietnam”, dove Robin Williams interpretava uno speaker radiofonico che viene inviato in Vietnam allo scopo di tenere alto il morale dei soldati. Per sua indole la comicità deve parlare di cose vere e quotidiane, quindi si può e, aggiungo, si deve far ridere di tutto con senso di responsabilità. Per esempio, nella prima puntata di Zelig c’è un pezzo della Barbera sul Covid, che fa ridere ma dice anche delle cose importanti.
    Vanessa Incontrada: Nessuno potrà dimenticare quello che è successo, le perdite di ciascuno e la sofferenza enorme che la pandemia ha creato, ma la gente non solo ha voglia di ridere…la gente ne ha bisogno, lo abbiamo visto in queste serate e ce ne rendiamo conto dopo ogni battuta… quindi far ridere diventa quasi un dovere per restituire un po’ di gioia a chi tanto la cerca.

    Quale emozione nel ritorno allo spettacolo dal vivo?
    Claudio Bisio: Ci sono stati tanti motivi per emozionarsi. Per me e Vanessa ritrovarci è stato un colpo forte. Poi essere tornati in teatro dal vivo è stata un’emozione ancora più intensa. Avere sei serate sold out con 2370 persone paganti è stato pazzesco. Io sono andato più volte a teatro e al cinema negli ultimi tempi e non ho mai visto una presenza del genere, sia in termini di numeri sia di affetto da parte del pubblico.
    Vanessa Incontrada: Rivedere un teatro pieno è una emozione incredibile…non solo: è stata una vera e propria botta di ottimismo che fa sperare che tutto davvero piano piano possa tornare alla normalità.

    Quale la differenza fondamentale, cosa è cambiato nella comicità italiana?
    Claudio Bisio: Negli ultimi anni ha preso piede questa moda anglosassone nel definire Stand up Comedian il monologhista, quello che racconta una storia davanti ad un microfono. Poi gli stand up dell’ultima generazione hanno delle micro-regole forse non scritte, il microfono deve essere rigorosamente con il filo e poi devi parlare di te, raccontare delle cose vere della tua vita facendo ridere, essere politicamente scorretto. Noi ne abbiamo avuti di monologhisti di questo calibro anche in passato, io non vedo tantissima differenza da quello che facevamo io e Paolo Rossi al Derby quarant’anni fa. Ma esiste indubbiamente una nuova generazione e l’abbiamo portata a Zelig. Parlo di Davide Calgaro, Max Angioni, Vincenzo Albano, Corinna Grandi. Forse oggi sono nomi non troppo conosciuti ma si spera lo diventino in breve tempo.
    Vanessa Incontrada: Non so dirlo con precisione: in questo periodo ho visto cose nuove che ho trovato divertentissime e ci sono personaggi che ritrovo come li avevo lasciati anni fa, che mi fanno ridere ancora come allora. Esiste sicuramente un linguaggio che evolve, ma come nel cinema o in letteratura i grandi classici restano intoccabili…

    Cosa ha fatto la storia di Zelig?
    Claudio Bisio: Zelig è stato da sempre uno spettacolo di cabaret dal vivo, non un format televisivo. Inizialmente ci esibivamo nei piccoli locali e poi via via siamo cresciuti, passando dal tendone del circo al Teatro degli Arcimboldi. Ma anche televisivamente abbiamo iniziato in seconda serata su Italia 1 per arrivare poi su Canale 5, in prima serata. Forse il segreto del successo di questo spettacolo è far ridere senza finzione. E oltre ai comici, che sono sempre stati il top della comicità, anche nella conduzione c’è sempre stata autenticità, da Michelle Hunziker a Paola Cortellesi, passando attraverso Vanessa che considero il cuore vero e pulsante di Zelig.
    Vanessa Incontrada: Ho avuto la fortuna di vivere un pezzo di questa storia e posso dire che Zelig è un mondo, fatto di autori, comici, conduttori, spirito di appartenenza, il teatrino di viale Monza…. Un mondo magico che sono felice di aver contribuito a riportare a teatro e a Mediaset.

    Donne, lgbt…la comicità può essere politically correct? Quale il limite?
    Claudio Bisio: Credo che si debba essere liberi di parlare di tutto senza censura. Tuttavia, io ho una mia deontologia, mi pongo un limite personale di correttezza, quello di non offendere nessuno in modo gratuito. Poi la comicità si fonda sui luoghi comuni, da sempre il comico uomo parla “male” delle donne e viceversa. Corinna Grandi, ad esempio, parla male dei figli… degli altri, perché non ne ha di suoi, senza usare turpiloquio, ma lo fa comunque con grande eleganza e raffinatezza.
    Vanessa Incontrada: Credo che il limite sia il rispetto. Se la comicità offende qualcuno allora c’è qualcosa che non va… Quando invece si è in grado di ridere tutti insieme di qualcosa allora l’obiettivo è stato centrato!

    Cosa vi diverte di più di Zelig?
    Claudio Bisio: Credo che Zelig non potrebbe esistere senza il pubblico vero. Questa è la cosa che mi piace di più. il cabaret, l’improvvisazione e il dialogo che si instaura con lo spettatore dal vivo.
    Vanessa Incontrada: Interagire tra di noi e con i comici è una cosa che a volte, ancora oggi, mi toglie il respiro per quanto rido. A volte mi ritrovo sul palco e non penso che ho la gente davanti, penso solo a quello che sta succedendo e quando sento le risate delle persone capisco che è successo qualcosa di magico…


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Scherma: a Bologna la rivincita della finale di Tokyo

    Scherma: a Bologna la rivincita della finale di Tokyo

    (ANSA) - BOLOGNA, 04 DIC - Al Paladozza di Bologna andrà in scena la rivincita della finale di Tokyo: lo sciabolatore della Virtus Bologna Luigi Samele sfiderà lunedì, alle 18,30, l'ungherese Áron Szilágyi, vincitore della medaglia d'oro ai Giochi. A organizzare...

    Messi, ‘non mi importa se sono il migliore o meno’

    Messi, ‘non mi importa se sono il migliore o meno’

    (ANSA) - ROMA, 04 DIC - "Non mi importa se sono il migliore o meno. Essere considerato tra i più grandi della storia è più che sufficiente". Dopo la conquista del suo settimo Pallone d'oro Lionel Messi si racconta su France Football, affrontando anche il tema della...