Bologna-Appennino tappa madre Festival Turismo Responsabile

Ago 3, 2022

Condividi l'articolo

(ANSA) – BOLOGNA, 03 AGO – Bologna e Appennino sarà la tappa ‘madre’ di It.a.Ca’-Migranti e Viaggiatori, Festival del Turismo
Responsabile, in programma nei weekend dal 16 settembre al 16
ottobre. Dal venerdì alla domenica nel capoluogo (quartieri
Santo Stefano, San Donato, San Vitale, Porto, Saragozza, Navile,
Bolognina, Savena, Pilastro) e fuori città (Casalecchio di Reno,
Monte San Pietro, San Benedetto Val di Sambro, Castel D’Aiano,
Castelluccio) il festival proporrà un calendario di iniziative
uniche: dalle performance di danza e forest bathing nei parchi
del Pilastro ai trekking nel sentiero degli Dei attraverso
piccoli borghi storici e degustazioni di prodotti tipici; dai
concerti di musica con aperitivi sociali proposti dai Quartieri
bolognesi ai trekking interstellari sul Sentiero dei Pianeti a
Monte San Pietro; dai laboratori teatrali di maschere alle
parate con danze libere e cori, dove ‘l’arte e la natura si
riprendono la città’; dai bike tour tra il Reno e il Panaro alle
installazioni artistiche di Guy Lindster, passando per un ‘extra’ It.a.Ca’ che propone un ‘trekking dell’altro mondo’. Inoltre sono stati creati due progetti frutto di due distinti
esperimenti culturali e sociali: ‘Sense of Place’, frutto della
co-creazione tra le associazioni e le persone cieche e
ipovedenti (che saranno anche le guide degli itinerari proposti)
di quattro itinerari multisensoriali, due da vivere in città e
due sull’Appennino; poi, la prima guida “nonturistica” di
Bologna, che verrà presentata il 30 settembre alle Serre dei
Giardini Margherita, intitolata ‘Bologna. Deviazioni inedite
raccontate dagli abitanti’ e in uscita per la collana editoriale
Nonturismo di Ediciclo, a curare il progetto editoriale lo
scrittore Wu Ming 2. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte