Bono si racconta in ‘Surrender’, autobiografia esce 1 novembre

Mag 10, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 10 MAG – Bono si racconta in ‘Surrender’.
        L’autobiografia del cantante e leader del gruppo rock irlandese
    U2, attivista e artista, uscirà l’1 novembre 2002 per Alfred A.
        Knopf e contemporaneamente
    in tutto il mondo: oltre che negli Stati Uniti, in 15 paesi, tra
    i quali Regno Unito, Irlanda e Canada. In Italia arriverà in
    libreria per Mondadori.
        Lo ha annunciato il 10 maggio Reagan Arthur, vicepresidente
    esecutiva e direttrice di Knopf. Rappresentato da Jonny Geller
    di Curtis Brown Ltd., Surrender verrà pubblicato in hardcover ed
    ebook, e come audiolibro narrato da Bono da Penguin Random
    House.
        “Ho cominciato a scrivere questo libro nella speranza di
    realizzare un disegno dettagliato di quanto mi ero limitato a
    schizzare con le canzoni. Le persone, i luoghi e le possibilità
    della mia vita. Surrender, ‘arrenditi’, è una parola carica di
    significati per me. Essendo cresciuto nell’Irlanda degli anni
    Settanta con i pugni alzati (musicalmente parlando), non era una
    prospettiva che mi venisse naturale. È una parola che avevo solo
    sfiorato prima di mettermi a raccogliere le idee per il libro.
        Ancora oggi sono umilmente alle prese con questo imperativo.
        Negli U2, nel mio matrimonio, nella mia fede, nella mia vita da
    attivista. Surrender è la storia di un pellegrino immobile…
        che si è divertito un mondo durante il viaggio” dice Bono, al
    secolo Paul David Hewson.
        Dalla sua infanzia a Dublino, segnata dall’improvvisa perdita
    della madre quando aveva quattordici anni, all’incredibile
    traiettoria che ha trasformato gli U2 in uno dei gruppi rock più
    importanti del mondo, agli oltre vent’anni di attivismo contro
    l’Aids e la povertà estrema, Bono si racconta con grande
    franchezza, capacità introspettiva e ironia. Apre una finestra
    sulla sua vita, così come sui familiari, gli amici e la fede che
    lo hanno sostenuto, messo alla prova e ispirato.
        Il sottotitolo del libro, “40 canzoni, una storia”, allude ai
    quaranta capitoli, ognuno dei quali prende il nome da una
    canzone degli U2.
        Bono ha inoltre realizzato quaranta disegni originali per
    Surrender ed esce il 10 maggio sulle piattaforme digitali degli
    U2 un video animato, da lui narrato e basato su alcuni dei suoi
    disegni che contiene un estratto del capitolo “Out of Control”
    nel quale racconta di quando scrisse il primo singolo degli U2:
    era il 10 maggio 1978, giorno del suo diciottesimo compleanno.
        “Tutta la passione che mette nella sua musica e nella sua vita
    Bono la mette anche sulla pagina” dice Arthur, che è anche
    editor dell’artista. “Sette anni fa un’altra leggenda, il
    compianto direttore della Knopf Sonny Mehta, ha acquistato il
    libro, sapendo che Bono rientrava nella tradizione dei grandi
    narratori irlandesi. Abbiamo la fortuna di avere gli appunti di
    Sonny su una prima bozza del manoscritto, e l’ulteriore fortuna
    non solo che Bono abbia una storia sensazionale da raccontare,
    ma anche di aver trovato in lui uno scrittore di grande talento.
        Surrender è un libro sincero, intimo, irriverente e profondo:
    una straordinaria storia di vita”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Golf: problemi alla gamba, Woods lascia il Pga Championship

    Golf: problemi alla gamba, Woods lascia il Pga Championship

    (ANSA) - WASHINGTON, 21 MAG - Il campione americano di golf Tiger Woods è stato costretto ad abbandonare al terzo turno il Pga Championship per un problema a una gamba. Lo riporta la Cnn.    Era la seconda volta in quindici mesi che il campione 46enne...

    Commisso: “Fiorentina in Europa gioia indescrivibile”

    Commisso: “Fiorentina in Europa gioia indescrivibile”

    (ANSA) - FIRENZE, 21 MAG - "Che emozione! Oggi la squadra, lo staff, lo stadio e tutta la gente di Firenze mi hanno regalato una gioia indescrivibile. Torniamo in Europa dopo sei anni e lo facciamo nel migliore dei modi, davanti a Firenze e con tutta questa gente...