Cagliari a un passo dalla B ma dipende da risultato Salernitana

Mag 16, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – CAGLIARI, 16 MAG – Cagliari a un passo dalla B: ora
    è l’indiziato numero uno per fare compagnia alle già retrocesse
    Venezia e Genoa. Il calcolo è presto fatto: la squadra di
    Agostini può fare la corsa ormai solo sulla Salernitana. Ma i
    campani sono a +2 e giocano in casa con l’Udinese l’ultima di
    campionato. Le motivazioni dei granata sono fortissime, quelle
    dei bianconeri molto meno: Deulofeu e compagni sono già salvi da
    un pezzo. Il Cagliari si può salvare solo a due condizioni: deve
    assolutamente vincere a Venezia. E sperare che la Salernitana
    non vinca con l’Udinese. In caso di arrivo a pari punti
    (successo del Cagliari in laguna e pari della squadra di Nicola
    all’Arechi) sarebbe premiata la migliore differenza reti dei
    rossoblù.
        Le due squadre sono pari negli scontri diretti sia per risultati
    che per numero di gol: uno a uno in Sardegna, idem la scorsa
    settimana a Salerno. A quel punto si deve ricorrere a un altro
    criterio: appunto le reti fatte e quelle subite. Il Cagliari ha
    segnato 34 gol, la metà di quelli subiti, 68. Quindi è a meno
    34. La Salernitana ha invece realizzato 33 reti e ne ha subito
    74: è a meno 41. Le due partite si giocheranno
    contemporaneamente: il Cagliari non può limitarsi a fare il suo
    (e cioè vincere), ma deve aspettare buone notizie dalla
    Campania. Logica e statistiche in situazioni del genere
    condannano il Cagliari: non vincere con l’Udinese per la
    Salernitana sarebbe come buttare al vento tutti gli sforzi fatti
    nell’ultimo mese per risalire dall’ultimo al quartultimo posto.
        Agostini e il capitano Joao Pedro ieri hanno garantito: ci
    proveremo sino all’ultimo. Ma la tifoseria sembra abbastanza
    rassegnata.
        E ieri Sky ha rivelato che Giulini, contestato ancora una volta
    dalla curva nel finale di Cagliari-Inter, avrebbe anche preso in
    considerazione l’idea di dare spazio a nuovi investitori.
        Difficile capire se si tratta di vere o proprie trattative o di
    un eventuale sfogo del presidente per la delusione di un’annata
    evidentemente al di sotto delle aspettative. La voce era
    circolata anche durante la stagione. Ma Giulini finora ha sempre
    smentito. Tutto sarà più chiaro dopo Venezia-Cagliari. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • I ministri dello Sport di 33 paesi chiedono sanzioni contro la Russia

    I ministri dello Sport di 33 paesi chiedono sanzioni contro la Russia

    I ministri dello Sport di 33 paesi hanno firmato una dichiarazione congiunta chiedendo di sospendere l'adesione di Russia e Bielorussia alle organizzazioni sportive internazionali e di vietare le trasmissioni televisive di competizioni sportive internazionali in...

    Rugby: Italia-Romania 45-13

    Rugby: Italia-Romania 45-13

    (ANSA) - ROMA, 01 LUG - L'Italia centra il terzo successo consecutivo dopo Cardiff e Lisbona andando a battere a Bucarest la Romania per 45-13 (19-6), secondo più ampio margine mai fatto registrare dalla nazionale di rugby nei quarantatré precedenti con i romeni....