Calcio: Calcagno,decreto crescita è un danno

Apr 28, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 28 APR – “La soluzione dei problemi del
    calcio italiano non può essere ulteriormente rimandata
    continuando a fare demagogia e indicando che il problema è
    sempre un altro, frase che ha come unico obiettivo quello di non
    risolverne nessuno”: così, in una nota, il presidente
    dell’Associazione italiana calciatori, Umberto Calcagno.
        “L’abuso del Decreto Crescita è evidente a tutti ed è un
    danno per il calcio italiano – ha aggiunto – Serviva solo per i
    campioni ma la realtà è un’altra. Era da abrogare, poi è stato
    chiesto un tetto. Ora non va bene neanche il tetto. Prima il
    problema erano le grandi squadre, ora sono le piccole”.
        Per Calcagno, “intervenire sul Decreto Crescita non risolverà
    tutti i problemi, ma da qualche parte bisogna pur iniziare. Non
    ci si può lamentare che non crescono i giovani, che non ci sono
    selezionabili per la Nazionale e poi appoggiare l’incentivo per
    tesserare calciatori stranieri. Se non si vogliono risolvere i
    problemi lo si dica chiaramente – ha concluso – senza
    continuare a sostenere che ‘il problema è sempre un altro'”.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Persi per Bowie, a Cannes applausi per Moonage Daydream

    Persi per Bowie, a Cannes applausi per Moonage Daydream

    (ANSA) - CANNES, 24 MAG - E' uno dei colpi di fulmine di Cannes 2022 il documentario MOONAGE DAYDREAM di Brett Morgen: una full immersion nell'universo di David Bowie che ti avvolge e quasi ti stordisce come una performance psicadelica. Il film, fuori concorso, del...

    Venditti e De Gregori, “Noi ragazzi diversamente giovani”

    Venditti e De Gregori, “Noi ragazzi diversamente giovani”

    (ANSA) - ROMA, 24 MAG (ANSA).  "Eravamo ragazzi più giovani, adesso siamo ragazzi diversamente giovani. Però è uguale - dice Antonello, giacca di pelle e occhiali scuri - Cioè la gioventù è sempre uguale in tutte le epoche. La gioventù è una: il mondo che ti...