• Calcio: Figc, da vittoria Europei impatto sul Pil dello 0.7%

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 01 DIC – La vittoria degli Azzurri
    all’Europeo 2020 ha avuto un impatto economico diretto per la
    Federcalcio stimabile in circa 36 milioni di euro (il valore
    totale della produzione 2021 è stato di 229,5 milioni di euro,
    miglior risultato di bilancio nella storia della Federcalcio) e
    un impatto economico indiretto e indotto per il ‘sistema Paese’
    stimabile in almeno lo 0,7% del Pil (circa 12 miliardi di euro).
        E’ quanto emerge dal Bilancio Integrato 2021 della Figc,
    pubblicato sul sito della federcalcio, che raggiunge così
    l’undicesimo anno consecutivo di rendicontazione e reporting. La
    Figc sottolinea che dietro al trionfo della Nazionale c’è un
    movimento che rappresenta il principale sistema sportivo
    italiano, con 4,6 milioni di praticanti e 1,4 milioni di
    tesserati (il 20% dei ragazzi italiani tra i 5 e i 16 anni). Il
    fatturato diretto è di 5 miliardi di euro, il 12% del PIL del
    football business mondiale e negli ultimi 14 anni il contributo
    fiscale e previdenziale del mondo del calcio è stato pari a 15,5
    miliardi di euro: per ogni euro ‘investito’ dal Governo nel
    calcio, il ‘sistema Paese’ ha ottenuto un ritorno in termini
    fiscali e previdenziali pari a 18,3 euro.
        “Il bilancio integrato è la fotografia che meglio rappresenta
    la multidimensionalità del mondo del calcio – dichiara il
    presidente della Figc Gabriele Gravina – oltre ad essere valore
    economico, infatti, siamo soprattutto passione, coinvolgimento,
    educazione, formazione, responsabilità sociale, benessere
    individuale e collettivo. Rappresentiamo una realtà determinante
    per lo sviluppo sociale del nostro Paese e siamo impegnati nel
    valorizzare tutte le nostre attività, anche quelle non
    strettamente legate alla competizione sportiva. L’ennesima
    edizione di questo studio rende ben visibile a tutti gli
    stakeholders la varietà e la complessità dell’agire della Figc e
    dell’intero movimento calcistico, che promuove valori e registra
    numeri di assoluta rilevanza”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte