• Calcio: Figc; ecco motore ricerca su decisioni giudici 2/o grado

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 19 GEN – Sul sito istituzionale della Figc è
    disponibile da oggi un motore di ricerca sull’archivio
    documentale delle decisioni dei giudici di secondo grado della
    Federcalcio, massimo organo di giustizia interno. Lo rende noto
    la stessa Figc, sottolineando che così la giustizia sportiva
    federale propone un nuovo servizio, in grado di offrire un
    ulteriore contributo in termini di efficienza e trasparenza.
        Il software, sviluppato dalla Federazione con Elog, l’azienda
    che cura la gestione del portale federale, permette di
    consultare le decisioni delle Corti degli ultimi 20 anni e, per
    l’ultimo triennio, anche le massime giurisprudenziali da esse
    derivanti, ovvero una o più brevi frasi che riassumono
    sinteticamente il principio di diritto affermato nella sentenza
    stessa, seguito talvolta da una breve descrizione della
    fattispecie concreta su cui il giudice si è pronunciato e
    rappresentano dunque criterio e misura della prevedibilità delle
    decisioni giudiziarie future.
        La ricerca può essere filtrata tramite molteplici criteri:
    stagione sportiva, periodo di interesse, tipologia del
    provvedimento, ma il grande valore aggiunto è che potrà essere
    effettuata anche una ricerca libera, tramite parole chiave.
        Anche nelle massime giurisprudenziali sarà possibile effettuare
    le stesse ricerche e accedere alla massima corrispondente ai
    criteri di filtro indicati e anche ai provvedimenti da cui la
    stessa deriva. Il motore di ricerca così sviluppato per le
    decisioni dei giudici di secondo grado sarà progressivamente
    esteso nei prossimi mesi anche agli altri organi di giustizia
    sportiva Figc.
        L’ampia serie di funzionalità disponibili, semplifica le
    attività di ricerca e consultazione, soprattutto per le figure
    direttamente coinvolte nel sistema: quelle all’interno degli
    organi federali e quelle al fianco delle parti coinvolte nei
    procedimenti. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte