Calcio: Sara Gama “con professionismo tutele e crescita per noi”

Mag 3, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 03 MAG – “Sono orgogliosa di aver contribuito
    alla crescita del calcio femminile”. Sara Gama, capitana della
    Juventus e della Nazionale è la sesta giocatrice a entrare nella
    Hall of fame del calcio italiano: è uno dei simboli del pallone
    declinato al femminile e non ha certo intenzione di fermarsi.
        Gama, che è anche vicepresidente AIC ed ex consigliera federale,
    raccoglie l’eredità di Morace, Panico, Gabbiadini, Vignotto e
    Bertolini. Un riconoscimento che risale a due anni fa, ma che a
    causa della pandemia le verrà consegnato – insieme a Barbara
    Bonansea, entrata pochi mesi fa – a fine mese: “Sono orgogliosa,
    significa che ho fatto delle cose buone e mi piace pensare di
    averle fatte sia dentro che fuori dal campo, dando il mio
    contributo alla crescita del nostro sport”. Nel 2019 Forbes la
    inserisce tra le cento donne più influenti d’Italia, l’anno dopo
    viene eletta vicepresidente dell’AIC, prima donna della storia a
    ricoprire questo incarico, e nel 2021 entra nella Commissione
    Nazionale Atleti del CONI. “Non mi spaventa avere delle
    responsabilità – aggiunge – l’ho sempre considerato un grande
    onore”.
        Con la Nazionale ora la sfida con gli europei: “Vogliamo
    dimostrare la nostra forza all’Europeo e poi a settembre andare
    a prenderci la qualificazione mondiale. Ci meritiamo questi
    palcoscenici”. Le basi per andare avanti ci sono, e adesso con
    la svolta del professionismo molto cambierà. “Le calciatrici che
    giocano e quelle che giocheranno potranno contare su tutele
    riconosciute, come l’assicurazione e la pensione, è questo il
    motore che ci ha spinto a lottare per ottenere quello che ci
    spettava. Dall’altra avremo l’opportunità di lanciare
    definitivamente questa disciplina, che è una parte del sistema
    calcio con enormi potenzialità non ancora sfruttate, investendo
    per poter competere ai massimi livelli e puntare alla vittoria.
        Entrambi gli aspetti hanno un valore enorme e favoriranno lo
    sviluppo del nostro sport, che andrà a beneficio di tutti, non
    solo delle atlete. Professionismo vuol dire questo”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Conte agita i 5Stelle: “È la quarta elezione che perde”

    Conte agita i 5Stelle: “È la quarta elezione che perde”

    Prima avvocato del popolo ed ex presidente del Consiglio del governo del cambiamento, ora leader di una forza politica innovativa e rivoluzionaria. Forse gli appellativi attribuiti fino a questo momento a Giuseppe Conte non hanno ancora trovato quello giusto, ma nulla...

    Ingiuste detenzioni, risarcimenti per 24 mln euro

    Ingiuste detenzioni, risarcimenti per 24 mln euro

    Poco più di 24 milioni: a tanto ammonta il totale delle somme riconosciute a titolo di riparazione per ingiusta detenzione nel 2021 dallo Stato. La cifra esatta è 24.506.190 ed è inferiore di 12 milioni a quella erogata nel 2020. In tutto sono state 565 le ordinanze...