Caos treni e disagi per allarme investimento nel Cesenate

Nov 17, 2021

  • Condividi l'articolo

    Caos in mattinata sulla linea ferroviaria Bologna-Rimini con treni, anche a lunga percorrenza, costretti a subire ritardi fino a 160 minuti. Nella prime ore della giornata un macchinista di un treno merci diretto a sud ha dato l’allarme ritenendo, dopo aver sentito un colpo sordo mentre transitava nei pressi di Savignano sul Rubicone, nel Cesenate, di avere investito qualcuno, non potendo specificare se un uomo o un animale. Immediatamente è convoglio è stato fatto fermare e l’intero traffico sulla linea è stato sospeso. I controlli di Polfer e Carabinieri, che hanno setacciato un lungo tratto di ferrovia, non hanno dato alcun esito.

    Attorno alle nove, perciò, il traffico ferroviario è ripreso, tornando gradatamente alla normalità. Lo stop di oltre tre ore ha però provocato lunghi ritardi di numerosi treni, mentre per diversi altri convogli si è provveduto a instradarli, dove possibile, su percorsi alternativi. Nel dettaglio per sei treni, una Frecciarossa e quattro Frecce Argento diretti a Milano e un Regionale Veloce diretto a Piacenza, si sono registrati ritardi fino a 2 ore e 40 minuti; per cinque treni, tra Regionali e Regionali Veloci, si è resa necessaria la soppressione della corsa, mentre per altri sei, sempre tra Regionali e Regionali Veloci è stata soppressa solo una parte della tratta.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Il Papa oggi tra i rifugiati a Lesbo, poi messa ad Atene

    Il Papa oggi tra i rifugiati a Lesbo, poi messa ad Atene

       Nella penultima giornata del suo viaggio a Cipro e in Grecia, papa Francesco va oggi tra i rifugiati fermi nell'isola di Lesbo, da lui già visitata il 16 aprile 2016. Il Pontefice si recherà nel 'Reception and Identification Centre' in località...

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...