• Carceri: altro tentato suicidio sventato, 3 in 5 giorni

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – VIBO VALENTIA, 12 NOV – La Polizia Penitenziaria
    salva la vita ad un altro detenuto. In cinque giorni sono già
    tre gli eventi e le vite salvate in Calabria. A darne notizia
    Sandrino Scalzo, segretario provinciale Osapp. Stamani, un
    detenuto di origine siciliane di 34 anni, ha tentato il suicidio
    mediante impiccagione e solo l’intervento della polizia
    penitenziaria ha evitato il dramma. “La prontezza dimostrata da
    parte della Polizia penitenziaria e all’alta professionalità
    degli infermieri e medici del carcere di Vibo – afferma Scalzo –
    si e potuto scongiurare il peggio nelle circostanze citate si e
    evitato il peggio. A Vibo, a fronte di una pianta organica di
    246 unita ne sono assegnate circa 180 e le ultime assegnazioni
    risultano insufficienti a coprire la grave carenza che determina
    un disagio e stress psico fisico degli uomini e donne della
    Polizia Penitenziaria che nonostante tutto e per gli effetti di
    una linea di comando e dell’amministrazione locale
    efficientissima tiene sotto controllo, per quanto possibile, i
    disagi derivanti dalle citate limitatezze.
        “La Calabria – afferma il segretario regionale Maurizio
    Policaro – è la regione con il alto numero di ristretti con
    patologie psichiatriche. Se poi si considera anche la modalità
    di assegnazioni non proprio confacenti alle esigenze e le
    difficoltà territoriali, conseguenzialmente ricadono
    negativamente sul sistema già gravemente penalizzato”.
        La segreteria generale Osapp, per voce del segretario
    generale aggiunto Pasquale Montesano, evidenzia “la necessità di
    specifici interventi sia per quanto riguarda le assegnazioni di
    soggetti psichiatrici sia per un immediato attenzionamento per la regione Calabria e nella circostanza per Vibo Valentia.
        Allora, ribadiamo e chiediamo al Ministro della Giustizia Carlo
    Nordio, e alla nuova compagine di Governo, di aprire
    immediatamente un tavolo di confronto permanente e dare
    consequenzialità agli annunci fatti per interventi immediati,
    pena maggiori e più gravi conseguenze”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte