Cartoons on the Bay online e nel segno delle donne

Dic 17, 2020

  • Condividi l'articolo

    ROMA – “Un festival dedicato a tutte le eroine di tutte le età dei cartoons ma soprattutto a tutte le donne che sono dietro le quinte e quindi produttrici, sceneggiatrici, registe, responsabili delle tecnologie e degli effetti speciali e tutte quelle professioniste che con le loro qualità hanno contribuito a migliorare il prodotto dell’animazione nel passato e nel presente e mi auguro anche nel futuro”. Presenta così il direttore Roberto Genovesi l’edizione 2020 di “Cartoons on the Bay” che si terrà da domani a domenica 20 dicembre su RaiPlay.

    Il festival dell’animazione crossmediale e della tv dei ragazzi promosso dalla Rai e organizzato da Rai Com, in collaborazione con Rai Ragazzi e Rai Radio, quest’anno sarà completamente in versione digital e ha ricevuto nei giorni scorsi dal Quirinale la medaglia di rappresentanza del Capo dello Stato. Non un festival con le quote rosa, precisa Genovesi: “In un mondo normale non servirebbero perché non c’è nessuna differenza nella bravura e nel talento, siamo tutti diversi e parti di un grande e bel mosaico e ben venga la diversità che è valorizzante. Ma in un mondo come questo in cui il femminicidio è all’ordine del giorno e in cui le donne sono ghettizzate anche nei percorsi formativi e sul lavoro, c’era bisogno forse di un festival come questo che valorizzasse questa componente femminile”. Dal punto di vista del format l’edizione è identica a quella fatta gli anni scorsi in presenza, ma non c’è una cronologia di eventi. “Le giornate saranno rilasciate su RaiPlay – spiega – in blocco una alla volta. Quindi ognuno, come su una piattaforma streaming, può andare e vedere ciò che vuole quando vuole in quella specifica giornata. Sarà anche un modo per coinvolgere più persone, da più parti del mondo e per non perdersi nemmeno un evento” racconta Genovesi. “Una vera edizione di servizio pubblico, totalmente gratuita e con tanti bellissimi film da vedere. Non so quanti altri festival – dice – sono riusciti a portare online anche i film, di questi siamo molto orgogliosi, ci è sembrato un segnale di vicinanza in questo momento difficile che il nostro pubblico meritava”.

    Il tema di quest’anno è appunto l’universo femminile: “Abbiamo la presenza di molte professioniste in gamba. Me ne vengono in mente due – aggiunge – e cioè Valentina Bertuzzi che attraverso il linguaggio dell’horror racconta l’evoluzione di una bambina che diventa adolescente. C’è poi Monica Manganelli che viene da mondo del teatro ed è una grandissima scenografa teatrale (vorrei farne una mostra per l’anno prossimo) e collaboratrice delle sorelle Wachowski per il film Cloud Atlas e qui arriva con uno dei suoi interessantissimi cortometraggi. Sono due donne giovani e con tutto il futuro davanti e siamo sicuri che faranno strada”. Per quanto riguarda le tavole rotonde saranno in evidenza tutti i comparti, dai videogiochi all’animazione, dalla produzione al marketing, dal licensing alla filosofia del medium. Un’altra signora di cartoons da seguire – secondo Genovesi – è la Cover Artist e illustratrice Emanuela Lupacchino intervistata da Max Giovagnoli. “Per il futuro – dice il direttore – abbiamo molti nomi femminili assai interessanti, d’altronde Cartoons on the Bay è un tipo di festival che vuole anticipare e raccontare prima le tendenze future. Mi ricordo anni fa, quando presentammo in anteprima gli ormai famosissimi Masha e Orso e Peppa Pig. Per non parlare di Matteo Strukul che fa parte di uno dei nostri panel ed è ormai arcinoto per i suoi romanzi storici. Fu componente di una nostra giuria a Venezia quando era un giovane scrittore. Il nostro obiettivo – ripete – non è solo avere chi è già famoso, ma possibilmente segnalare chi ha le carte in regola per diventarlo”.

    Il Premio studio dell’anno andrà a Cartoon Saloon del quale sarà presentata un’ampia retrospettiva (tra cui The Secret of Kells, I corti di Cartoon Saloon, La Canzone del Mare, I racconti di Parvana). Cartoons on the Bay consegnerà il Premio alla carriera a Francesco Tullio Altan, papà della Pimpa, e aprirà la Hall of fame del Festival a due giganti dell’animazione, Guido Manuli, intervistato da Oscar Cosulich, e Don Bluth, protagonista delle masterclass “Draw as you please” e “The bouncing ball” nonché creatore del manifesto dell’edizione 2020 di “Cartoons”. Nel corso del Festival sanno annunciati anche i vincitori concorso Pitch Me 2020. Tra i molti i film in visione unica, programmati su RaiPlay in date e orari stabiliti: “I viaggi del principe”, “Phantom boy”, “Un gatto a Parigi”, “Sasha e il Polo Nord”, “Arctic dog”, “Trash” (al cinema è stato solo 3 giorni a causa del Covid e quindi è come se fosse un’anteprima) e “La famosa invasione degli orsi in Sicilia” di Lorenzo Mattotti.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Rimini. Salvano uomo con intenti suicidi

    Rimini. Salvano uomo con intenti suicidi

    Salvano uomo con intenti suicidi Alle ore 9:10 di venerdì giungeva presso la sala operativa della Questura la segnalazione di un uomo con intenti suicidi. A lanciare l’allarme è il fratello, fuori regione e non in grado di fornire elementi utili agli agenti per...