Casini: “La tecnologia per eliminare la cultura del sospetto”

Condividi l'articolo

(ANSA) – ROMA, 19 SET – “Il tema dell’impatto della
tecnologia sul gioco va valutata: se ci fosse stata questa
tecnologia nel 1982, l’Italia non avrebbe mai vinto i Mondiali e
Gentile non sarebbe arrivato alla fine del torneo. C’è un
elemento da considerare, quello può essere l’esagerazione
dell’impatto tecnologico; però io, al momento – se posso dire
l’effetto positivo che la tecnologia dovrebbe avere e sta avendo
– è quello di eliminare il più possibile questa cultura del
sospetto che appartiene al contesto italiano, non solo a quello
calcistico. La maggior trasparenza in questi dialoghi fra gli
arbitri, che sono stati pubblicati nel documentario sulla Serie
A, fa vedere come in realtà non ci deve essere questo sospetto,
ma solo qualche errore. Meno male che c’è, almeno siamo umani”.
    Così Lorenzo Casini, presidente della Lega Calcio di Serie A a
Radio anch’io lo sport, su RadioRai. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte