Centrale fa 100 anni, Wimbledon apre le porte

Giu 23, 2022

  • Condividi l'articolo

    L’edizione n.135 del torneo di Wimbledon, al via lunedì prossimo, coincide con il centesimo anniversario del Centre Court, l’iconico stadio dell’All England Club che dal 1922 si trova in Church Road, sobborgo verde a sud di Londra. Una ricorrenza che segna anche il ritorno ai Championships del pubblico, senza più limitazioni né green pass, dopo la cancellazione del 2020 e l’edizione dell’anno scorso, a capienza ridotta. Quando, nella finale maschile, si impose il serbo Novak Djokovic su Matteo Berrettini. Domani, il sorteggio del tabellone dira’ quale percorso e’ riservato ai protagonisti.
        Il serbo si ripresenta sulla nobile erba londinese da grande favorito (quotato 4/5 dai bookmakers dall’alto dei suoi sei trionfi, tre nelle ultime quattro edizioni) nonostante le vicissitudini per le sue posizioni no-vax. Ma dietro di lui, gli allibratori locali puntano su Berrettini (11/2), capace nell’ultimo mese di vincere due tornei di fila sull’erba (Stoccarda e Queen’s) al rientro dopo l’operazione al polso.
        Terzo favorito Rafa Nadal, che insegue il sogno del Grand Slam dopo i trionfi in Australia e Francia. Illustre assente, viceversa, Roger Federer, vincitore qui otto volte: proprio a Wimbledon il campione svizzero ha disputato il suo ultimo match, 11 mesi fa, prima del lungo stop per l’infortunio al ginocchio che ha interrotto la striscia di presenze iniziata nello scorso millennio (1998).
        Per la prima volta dall’introduzione della classifica Atp (1973) mancheranno nel tabellone di Londra anche i primi due del ranking mondiale, il russo Daniil Medvedev e il tedesco Alexander Zverev. Ma se quest’ultimo è stato bloccato da un infortunio alla caviglia, Medvedev è stato escluso – al pari di tutti gli altri tennisti russi e bielorussi – da una controversa decisione presa dall’organizzazione dei Championships, su pressione del governo britannico, nell’ambito delle ritorsioni adottate dal Regno Unito contro la Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina. Decisione che ha portato l’Atp a non assegnare punti validi per la classifica al torneo, declassandolo di fatto – secondo alcuni osservatori – a ricca e prestigiosa esibizione. Alla quale comunque parteciperà una tennista russa, la doppista Natela Dzalamidze che ha aggirato la norma acquisendo alla vigilia dell’iscrizione il passaporto della Georgia. In gara – grazie ad una dovuta wild card – ci sarà anche Serena Williams, che torna in campo dopo un’assenza di un anno, all’inseguimento del sogno di migliorare il suo record di 23 titoli Slam (regina sette volte a Wimbledon).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Iv smaschera Calenda. “Non c’era a votare, parla solo su Twitter”

    Iv smaschera Calenda. “Non c’era a votare, parla solo su Twitter”

    "Vogliamo vedere chi a chiacchiere parla di green e chi si impegna a raggiungere gli obiettivi seriamente”, tuonava lo scorso 30 giugno il leader di Azione, Carlo Calenda presentando al Senato la mozione per reintrodurre il nucleare nel mix energetico italiano. Manco...