Cesena. Niente rimozione dei manifesti contro la pillola abortiva. Il sindaco: “sono ripugnanti ma c’è la libertà di espressione”

Il primo cittadino di Cesena sui manifesti contro la pillola abortiva la pensa come il collega di Cesenatico Matteo Gozzoli e infatti ha fatto sapere che non intende farli rimuovere pur trovando ripugnanti i suoi contenuti. Vanno dunque – a detta del sindaco – combattuti sul piano politico ma nel rispetto della libertà di espressione sancita dalla Costituzione. Una scelta decisamente diversa da quella fatta da Rimini e Ravenna dove invece i manifesti, come del resto in altre città, erano stati rimossi.