CINEMA, MONTEVECCHI LEGA ER):  TROPPA IDEOLOGIA HA SVILITO UNA LEGGE IMPORTANTE PER VALORIZZARE  TERRITORIO E PROFESSIONALITA’ EMILIANO ROMAGNOLE  

Gen 19, 2021

  • Condividi l'articolo

     

    BOLOGNA,  19 GEN – “Per fare un ragionamento complessivo in materia di cinema e audiovisivo riteniamo che oggi sia più che mai necessario utilizzare i fondi regionali per valorizzare tutto il nostro territorio, le sue comunità, la sua capacità ricettiva, di accoglienza e la sua storia, senza dimenticare la professionalità delle maestranze locali. Pensiamo che questa sia la direzione da seguire. Però non possiamo darvi fiducia per questo nuovo programma triennale, in quanto non possiamo certamene valutare in modo positivo il triennio precedente, quello 2018-2020″. Così consigliere regionale della Lega, Matteo Montevecchi, ha annunciato il voto di astensione della Lega sul rinnovo della legge regionale a sostegno del cinema e delle produzioni audiovisive legate al territorio regionale.

    Nel merito del progetto, Montevecchi ha denunciato “il criterio ideologico che, nell’applicazione della legge, ha superato i buoni criteri indicati di promozione e creazione del lavoro. Un esempio su tutti: la Regione ha stanziato fondi pubblici per certe opere cinematografiche che non possiamo in alcun modo condividere come i 105 mila euro per la realizzazione del lungometraggio “Gli anni amari”, celebrativo della vita di Mario Mieli. Un personaggio che nel testo “Elementi di critica omosessuale” del 1977, affermava: “Noi checche rivoluzionarie sappiamo vedere nel bambino non tanto l’Edipo, o il futuro Edipo, bensì l’essere umano potenzialmente libero. Noi, sì, possiamo amare i bambini. Possiamo desiderarli eroticamente rispondendo alla loro voglia di Eros, possiamo fare l’amore con loro (…) La società repressiva eterosessuale costringe il bambino al periodo di latenza, la pederastia, invece, è una freccia di libidine scagliata verso il feto”. Un pensiero pericoloso e indifendibile da cui la Regione avrebbe dovuto prendere le immediate distanze” ha denunciato Montevecchi.

    L’esponente del Carroccio ha annunciato che la Lega “valuterà le scelte che farà la Giunta regionale e ci auguriamo siano meno ideologiche e che mirino più alla valorizzazione del territorio”.