Cinema: retrospettiva di Peter Forgacs ad Archivio Aperto

Set 30, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – BOLOGNA, 30 SET – Si intitola ‘Hidden Histories. The
    Found Footage Films of Péter Forgács’ la retrospettiva dedicata
    a Péter Forgács, artista e regista ungherese di fama mondiale,
    nell’ambito della XIV edizione di Archivio Aperto, il festival
    di Home Movies-Archivio Nazionale del Film di Famiglia di
    Bologna dedicato alla riscoperta del patrimonio cinematografico
    privato e inedito d’archivio che vede protagonisti film
    amatoriali, indipendenti, sperimentali e documentari su
    pellicola in formato ridotto.
        Forgács, considerato un maestro del ‘found footage film’ e
    pioniere nell’archiviazione e rielaborazione dei film
    amatoriali, sarà a Bologna l’11 e 12 ottobre per presentare in
    anteprima italiana i suoi due ultimi film e condurre un workshop
    sul suo trentennale lavoro. Fino al 27 ottobre i suoi film
    saranno disponibili gratuitamente sul sito mymovies.it,
    un’occasione per conoscere l’opera del regista di ‘The
    Maelstrom’, noto soprattutto per i suoi film ed installazioni
    spesso basati su pellicole amatoriali degli anni Venti e
    Ottanta, che documentano vite ordinarie sconvolte dai traumi
    storici, dalle guerre alla Shoah ai regimi autoritari.
        La serie ‘Private Hungary’, monumentale opera in progress
    iniziata nel 1988, è giunta al ventesimo episodio e proiettata
    in Festival e musei di tutto il mondo: gli ultimi due film sono ‘Kemény György’ (2017), sulla figura dell’artista pop del
    titolo, ennesimo protagonista di un secolo che si riflette sul
    nostro presente portandosi dietro storie di guerra e di
    avanguardia sotto il regime comunista, e ‘Venom-A Diva in Exile’
    (2018), che attraverso un racconto e la voce della scrittrice
    Zsófia Bán rievoca la vicenda della cantante e star del cinema
    ungherese Katalin Karády, finita in rovina durante la guerra e
    poi costretta ad abbandonare le scene e scappare in Brasile
    durante il regime comunista, dopo avere aiutato gli ebrei ed
    essere accusata di essere una spia degli alleati. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte