Comunali: in Sicilia termine presentazione liste scade dopo

Mag 14, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – PALERMO, 14 MAG – A differenza delle altre regioni
    italiane, dove il termine è scaduto oggi, in Sicilia si è aperta
    ieri, venerdì 13 maggio, la finestra per la presentazione delle
    liste con i candidati alla carica di sindaco ed alla carica di
    consigliere comunale nei comuni chiamati al voto in occasione
    delle prossime amministrative che nell’isola, come nel resto
    d’Italia, si terranno domenica 12 giugno. L’ultimo giorno utile
    per la presentazione delle liste nei comuni siciliani è il 18
    maggio.
        In Sicilia i comuni chiamati al voto per eleggere il sindaco
    ed i componenti del consiglio comunale sono 120, Palermo e
    Messina, gli unici due capoluoghi di questa tornata. L’eventuale
    ballottaggio, che interessa solo i comuni superiori a 15 mila
    abitanti nei quali è previsto il doppio turno (se nessuno dei
    candidati alla carica di sindaco dovesse raggiungere il 40%) si
    terrà il 26 giugno.
        In Sicilia ogni elettore potrà dare fino a due preferenze per
    i candidati al consiglio comunale, purché si rispetti la “preferenza di genere”: in pratica se si vogliono votare due
    consiglieri dovranno essere un uomo ed una donna. È prevista la
    possibilità del “voto disgiunto”: si potrà votare il candidato o
    i candidati al consiglio comunale di una lista, ed il candidato
    sindaco di un’altra lista. Se non si esprime alcuna preferenza
    per il candidato sindaco, il voto andrà automaticamente anche al
    candidato sindaco della lista nella quale si vota il candidato o
    i candidati al consiglio comunale. Le urne saranno aperte nella
    sola giornata di domenica 12 giugno dalle ore 7 alle ore 23,
    nell’isola come nel resto d’Italia si voterà anche per i cinque
    referendum abrogativi in materia di giustizia.
        Nei giorni scorsi l’assessorato regionale alle Autonomie
    locali ha reso noto che le operazioni di scrutinio si
    svolgeranno in due fasi: domenica sera dopo la chiusura delle
    urne, alle ore 23, si procederà con lo spoglio delle schede sui
    referendum mentre lo spoglio per le amministrative inizierà il
    giorno dopo, lunedì 13 giugno, a partire dalle ore 14. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Quelle sanzioni (necessarie) e il rischio boomerang in casa

    Aumenti, aumenti ovunque. La giornata tipo degli italiani è diventata una via crucis, che comincia con una tazzina di caffè strapagata al bar fino a quando si spegne la luce prima di dormire, magari un po' prima del solito perché con certe bollette in arrivo... Lo...