Concluso a Rimini il Festival del Mondo Antico

Ago 1, 2022

Condividi l'articolo

(ANSA) – BOLOGNA, 01 AGO – Si è conclusa ieri sera – con un
incontro con il giornalista e scrittore Filippo Ceccarelli – la
24/a edizione del ‘Festival del Mondo Antico’ a Rimini. Sono
stati 44 – tra conferenze serali, presentazioni di libri, visite
guidate e attività didattiche – gli eventi della kermesse
romagnola che, solo nelle conferenze serali ospitate tra l’arena
Francesca da Rimini e il Lapidario romano, ha contato più di
2.800 spettatori.
    Il Festival, che si è svolto non solo a Rimini ma anche a
Cattolica, Riccione, Santarcangelo, Savignano sul Rubicone e
Verucchio, si è concentrato sul tema delle connessioni tra
l’attualità e il passato, ripercorrendo la storia del
mantenimento del consenso e l’uso strategico del costume,
dell’arte, dell’abbigliamento, nella ricerca di soluzioni alla
guerra del consenso e della persuasione che ogni giorno va in
scena sui mezzi di comunicazione di ieri e di oggi. Sui palchi dell’arena e del Lapidario sono saliti studiosi e
ospiti del calibro di Gino Bandelli e Giovanni Brizzi, Paolo
Rumiz, Roberto Zichittella e Micol Flammini, studiosi di fama
come Ivano Dionigi e Maria Giuseppina Muzzarelli, archeologi
come Paolo Carafa, storici dell’arte come David Ekserdjian,
Giovanni C.F. Villa e Giovanni Sassu, intellettuali e scrittori
come Lorenzo Pavolini, Francesco Filippi, Elena Kostioukovitch.
    Ieri sera la chiosa della rassegna all’insegna dell’ironia e
dell’intelligenza con Filippo Ceccarelli. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    La lezione della Meloni a Letta sui migranti 

    I migranti che attraversano il Mediterraneo come gli italiani morti a Marcinelle. Entrambi "soldati di una guerra per la sopravvivenza". L'accostamento effettuato da Enrico Letta era apparso sin da subito azzardato, oltremodo retorico, fuori contesto. Nell'annunciare...