Conference League: per Fiorentina il Twente o il Cukaricki

Ago 2, 2022

Condividi l'articolo

(ANSA) – FIRENZE, 02 AGO – “Teniamo tanto alla Conference
League, prima di tutto per i nostri tifosi, e siamo convinti di
poter disputare una buona stagione perché sulla carta abbiamo
una bella rosa”. Così Joe Barone dopo il sorteggio che oggi, a
Nyon, ha abbinato la Fiorentina alla vincente fra gli olandesi
Twente e e ?ukari?ki Belgrado nei playoff in programma il 18 e
25 agosto, decisivi per accedere alla fase a gironi della
competizione.
    ”Saranno due partite molto importanti – ha continuato ai
microfoni dell’emittente greca Cosmote Tv il direttore generale
viola presente oggi alla cerimonia dei sorteggi – penseremo ad
una sfida per volta, stiamo costruendo una stagione importante e
abbiamo molta fiducia nel nostro lavoro e nella nostra identità
che è molto europea”.
    Una stagione che vede appunto il ritorno della Fiorentina
sulla scena internazionale pur con l’ostacolo dei play off da
superare e la possibile apertura a fine anno o al massimo agli
inizi del 2023 del Viola Park, l’avveniristico centro sportivo
in corso di costruzione alle porte di Firenze. ”Abbiamo una
tifoseria molto calda che ci segue sempre e soprattutto c’è
Rocco Commisso che mette tanta passione e tanto del suo
all’interno della società, per ora nel centro sportivo ha
investito un centinaio di milioni per avere e dare alla
Fiorentina un futuro importante, abbiamo gettato delle basi per
far crescere la società a livello europeo”.
    Barone ha poi annunciato la possibilità di portare la squadra
in Grecia a disputare alcune amichevoli durante la lunga pausa
del campionato a novembre e dicembre per i Mondiali.
    Intanto domani i viola affronteranno il secondo test
internazionale di preparazione, l’ultimo in Austria:
l’avversaria sarà la nazionale del Qatar, la gara si disputerà
nella SAK Arena Nonntal di Salisburgo, un impianto privo di
tribune ma dal manto erboso ritenuto migliore di quello di
Grodig dove domenica la Fiorentina ha giocato e perso con il
Galatasaray: la decisione di cambiare sede è stata presa per le
lamentele della società viola anche riguardo le dimensioni
ristrette del rettangolo di gioco. Calcio d’inizio alle 18.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • “Il nome è il mio…”. La Meloni punta a palazzo Chigi

    “Il nome è il mio…”. La Meloni punta a palazzo Chigi

    "Il nome sono io, perché non dovrebbe esserlo?". La corsa verso Palazzo Chigi è ormai entrara nel vivo e Giorgia Meloni ha tutta l'intenzione di affrontarla a passo deciso. Fino in fondo. In un'intervista rilasciata a Rtl 102.5, la leader di Fratelli d'Italia ha...

    Politiche contro natura

    Politiche contro natura

    Può un personaggio che si professa liberale, riformista far parte del campo largo che ha disegnato Enrico Letta? No. Per cui, come nel gioco dell'oca, dopo aver flirtato con il segretario Pd, posato per le «foto op» con i dirigenti piddini, lanciato strali contro il...