Conte archivia il vaffa e prepara il ko alle urne

Set 6, 2021

  • Condividi l'articolo

    Ripete di nuovo che è finita l’era del Vaffa, mette le mani avanti sulla probabile sconfitta alle amministrative. Il leader del M5s parla alla festa del Fatto Quotidiano e disegna un Movimento sempre più lontano da Beppe Grillo, il Garante con cui il nuovo capo ha duellato per buona parte dell’estate. L’ex premier ci tiene a marcare le distanze tra il prima e il dopo. «Il Movimento del vaffa è stato il Movimento della prima ora, quello che doveva entrare nei palazzi, doveva sgomitare, forzare per entrarvi. Oggi quei toni veementi non hanno più ragione, possiamo argomentare le nostre ragioni e credo che dobbiamo dismettere i toni aggressivi», spiega il presidente dei Cinque Stelle. L’immagine è quella di un partito «radicale nei principi» e «moderato nei toni». Conte batte sul tasto della «cura delle parole», inserita anche nel nuovo Statuto votato a inizio agosto. D’altra parte dice: «Certo che sento Grillo, ci confrontiamo spesso». Il fondatore è da parecchio in silenzio sull’attualità politica, ma chi è in contatto con lui assicura che il suo ruolo di Garante gli offre sempre la possibilità di «intervenire ogni volta che vuole». Grillo si è riservato la prerogativa di contestare la linea contiana in qualsiasi momento. Magari con una fiammata improvvisa, come piace a lui. Conte è atteso da molte sfide interne. A partire dal finanziamento del nuovo M5s. I contributi dei parlamentari latitano e c’è da costituire e poi foraggiare l’impianto di un partito tradizionale. Comprese le spese per la nuova sede nel centro di Roma. E in tempi stretti l’ex premier dovrà chiudere il cerchio sulle nomine interne e sciogliere il nodo del terzo mandato. A settembre l’ex premier girerà l’Italia. Il tour, già in programma, è stato annunciato con un post sul sito del Movimento. Si parte oggi da Napoli insieme al candidato giallorosso Gaetano Manfredi. L’8 settembre Conte sarà a Milano, il 10 a Bologna e l’11 a Torino. Il viaggio continuerà per tutto il mese con altre tappe da definire, «per incontrare i cittadini e supportare i candidati sindaci del M5s».

    Nel frattempo è partita l’analisi della sconfitta, ancora prima del voto alle comunali del 3 e 4 ottobre. Il presidente pentastellato mette le mani avanti. «Alle amministrative il M5s ha avuto sempre difficoltà, ha avuto poco radicamento sul territorio e storicamente risultati molto modesti», ammette. Eppure il 5 giugno del 2016, in occasione del voto nelle città, il Blog delle Stelle, allora organo ufficiale del Movimento, rivendicava con orgoglio: «Il Movimento 5 Stelle è la forza politica nazionale più presente sul territorio». Oggi invece si contano le defezioni. Anche nei capoluoghi come Benevento e Caserta, dove i grillini non hanno presentato la lista. A differenza di ciò che dice Conte, la scalata del M5s verso il governo è stata anticipata, cinque anni fa, dalle clamorose vittorie solitarie a Roma e Torino con Virginia Raggi e Chiara Appendino. Nel 2012 l’entrata in Parlamento è stata preceduta dal trionfo a Parma di Federico Pizzarotti. Ora i Cinque Stelle sperano di vincere soltanto nelle città in cui supportano i candidati di centrosinistra. L’era del Vaffa è finita, ma le cose non vanno meglio di prima.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Roma, Mourinho: ‘Pellegrini rinnoverà prossimi giorni’

    Roma, Mourinho: ‘Pellegrini rinnoverà prossimi giorni’

    "Pellegrini firmerà il contratto nei prossimi giorni e questo darà ancora più forza al suo rapporto con i tifosi', lo ha detto Josè Mourinho a Sky Sport nel post partita con il CSKA Sofia parlando del rinnovo del capitano giallorosso. Della prestazione, però, non è...

    Di Maio-Fico-Raggi eletti Garanti M5s

    Di Maio-Fico-Raggi eletti Garanti M5s

    Luigi Di Maio, Roberto Fico e Virginia Raggi sono stati eletti membri del Comitato dei Garanti del M5S. La sindaca di Roma si piazza prima con 22.289 preferenze. In seconda posizione Roberto Fico con 11.949 voti, seguito da Luigi Di Maio con 11.748 voti.  L'ex...