• Cop27, raggiunto l’accordo sui ristori per i danni del cambiamento climatico

    Condividi l'articolo

    A un passo dalla rottura, l’accordo è stato trovato. Alla Cop27 di Sharm el Sheikh, i Paesi ricchi guidati da Usa e Ue, e quelli emergenti e in via di sviluppo guidati dalla Cina, hanno concordato di istituire un fondo per ristorare le perdite e i danni causati dal riscaldamento globale nei Paesi più poveri e vulnerabili. Era il punto più spinoso della trattativa, quello sul quale ha rischiato di saltare il tavolo. Ora mancano le ultime limature, e l’ok al documento finale, che potrebbe arrivare nella notte o domenica.

    Ma il rischio di un fallimento della Cop, di una conferenza che finiva senza risultati tangibili, è stato sventato. A Sharm sarà nominata una commissione di esperti, che porterà il progetto del fondo alla prossima Cop28 di Dubai, l’anno prossimo. La giornata a Sharm era cominciata malissimo. Il vicepresidente della Commissione europea, Frans Timmermans, aveva annunciato che la Ue era pronta a lasciare il negoziato se non si arrivava ad un accordo accettabile. L’Unione qualche giorno fa aveva detto sì controvoglia al fondo per i “loss and damage”, chiesto a gran voce dai paesi del G77+Cina, guidati da Pechino.

    L’Unione temeva che sarebbe stato troppo oneroso e avrebbe richiesto troppo tempo, e preferiva aggiornare gli strumenti esistenti. Ma di fronte alla posizione compatta del G77 e della Cina, la Ue aveva finito per cedere. Tuttavia, aveva messo delle condizioni. Il fondo doveva essere destinato solo ai paesi più vulnerabili, e non a tutti i paesi in via di sviluppo, fra i quali risultano ancora superpotenze come Cina e India. E doveva essere finanziato dalla più ampia base di donatori, quindi anche dalla Cina, che invece voleva scaricare l’onere solo sull’Occidente. Inoltre, in cambio del suo sì al fondo, l’Ue chiedeva che alla Cop27 si confermassero tutti gli ambiziosi impegni di mitigazione del cambiamento climatico presi l’anno scorso alla Cop26 di Glasgow.

    In particolare, l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi dai livelli pre-industriali. Un vincolo sgradito alla Cina, che vuole sì impegnarsi per la decarbonizzazione, ma non vuole prendere troppi impegni con l’esterno. La notte fra venerdì e sabato, la presidenza egiziana ha presentato una bozza sui loss and damage, che non teneva conto della proposta europea. L’Unione a quel punto ha deciso di imputarsi. E il muso duro europeo ha dato i suoi risultati. Nel pomeriggio, la Cina e il G77 hanno detto sì a indicare nel documento finale che i destinatari degli aiuti saranno i Paesi più vulnerabili, e che sarà ampliata la platea dei donatori. In serata, rimaneva da definire la salvaguardia del target di 1,5 gradi di riscaldamento massimo fissato a Glasgow. Ma l’accordo era ormai a portata di mano.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte