Coppa d’Africa:fischio 5′ prima,da Tunisia protesta formale

Gen 13, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 13 GEN – La federazione calcistica tunisina
    (FTF) ha scritto alla Confederation of African Football (Caf)
    per lamentarsi del fatto che la partita contro il Mali è
    terminata con 13 secondi di anticipo. Il tutto in un match –
    come ricorda la Bbc – che vedeva i tunisini in svantaggio per
    1-0 e l’arbitro zambiano Janny Sikazwe protagonista in negativo
    per aver fischiato due volte la fine del match.
        Il caos comincia a 5′ dalla fine quando l’arbitro Sikazwe emette il triplice fischio per decretare la fine della partita,
    fra lo stupore generale, e in particolare della panchina
    tunisina. Dopo essersi reso conto dell’errore, Sikawze ha fatto
    riprendere il gioco, ma poi ha decretato nuovamente la fine a
    89′ e 47′ scatenando l’ira del tecnico tunisino Kebaier e dei
    suoi collaboratori. A mandare su tutte le furie lo staff tecnico
    delle Aquile di Cartagine e dei giocatori il mancato recupero
    dopo 9 sostituzioni, 3 interventi del Var, 2 rigori, 1 gol, 1
    cartellino rosso e il cooling break, senza contare i minuti
    persi dopo il primo fischio errato. “Faremo tutto il necessario
    per difendere i diritti della squadra nazionale”, ha detto un
    dirigente della federazione tunisina – Non siamo bambini”.
        “L’arbitro ha avuto un colpo di sole, che ha influenzato le
    sue decisioni nel gioco – ha aggiunto ai media egiziani Essam
    Abdul Fattah, funzionario arbitrale del Caf – Dopo la partita,
    doveva andare in ospedale perché faceva troppo caldo”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Da Malta a Strasburgo, sempre più donne ai vertici Ue

    Da Malta a Strasburgo, sempre più donne ai vertici Ue

    Mentre la politica italiana fatica a trovare convergenze su un nome che possa portare una donna al Quirinale, in Europa suona tutt'altra musica. Con l'elezione della maltese Roberta Metsola infatti, prima esponente della generazione Erasmus ad occupare la carica più...