Coronavirus, liquidità alle imprese dell’Emilia-Romagna, intesa tra Regione-Unioncamere per fondi dalle Camere di Commercio

Le nuove risorse per incrementare i 10 milioni di euro già messi a disposizione da viale Aldo Moro

Sede della Regione, ingresso palazzo GiuntaAnche le Camere di Commercio, da Piacenza a Rimini, scendono in campo per sostenere la liquidità delle imprese dell’Emilia-Romagna, per un supporto concreto nell’affrontare la situazione di difficoltà dovute all’emergenza sanitaria. E lo fanno incrementando le risorse, 10 milioni di euro già messi a disposizione dalla Regione nelle scorse settimane, attraverso un apposito bando per la concessione di quote di un fondo da destinare all’abbattimento dei costi per l‘accesso al credito, finalizzato alla ripresa del sistema produttivo.

L’iniziativa prende le mosse da un Protocollo quadro per il “Sostegno alla liquidità delle imprese colpite dagli effetti dell’applicazione delle disposizioni sul contenimento del Covid-19”, sottoscritto da Regione e da Unioncamere regionale.

Le Camere di commercio di ciascuna provincia dell’Emilia-Romagna stanno deliberando, e lo faranno entro il prossimo 30 aprile, l’importo da destinare a un fondo regionale camerale, temporaneamente collocato presso Unioncamere, che fungerà da soggetto collettore. Le risorse raccolte, che andranno poi ad incrementare quelle già messe a disposizione della Regione, verranno ripartite e trasferite da Unioncamere regionale ai Confidi che hanno aderito alla misura regionale, per interventi a favore delle imprese di tutti i settori produttivi.

Il Protocollo prevede anche la disponibilità di Regione e Unioncamere ad allargare la collaborazione ad ulteriori azioni a supporto delle imprese colpite dagli effetti dell’applicazione delle disposizioni sul contenimento del Covid-19. Questo anche in vista della graduale ripresa delle attività economiche e a garanzia della competitività del sistema produttivo emiliano-romagnolo.

Ciascuna Camera di commercio, sulla base della somma destinata al fondo regionale camerale, detiene una percentuale dello stesso sull’ammontare totale del fondo. Queste quote saranno utilizzate esclusivamente a favore delle imprese dei rispettivi territori di competenza in regola con il pagamento del diritto annuale. Inoltre, per un efficace utilizzo delle risorse, Unioncamere regionale si riserva di escludere dalla ripartizione delle proprie risorse i Confidi che, applicando al fondo camerale le percentuali definite dalla Regione, non risultassero dotati delle risorse ritenute necessarie per soddisfare ragionevolmente la richiesta di almeno una impresa per ogni territorio di competenza delle Camere di commercio territoriali.