Covid: Fauci, la fine della crisi globale è ancora lontana

Nov 13, 2021

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – PADOVA, 13 NOV – “Sebbene ci stiamo avvicinando al
    termine del secondo anno dell’epidemia di Covid-19, la fine di
    questa crisi globale sanitaria è ancora lontana, e rimangono
    sfide importanti”. Lo ha affermato Anthony Fauci, consigliere
    per la pandemia del presidente Biden, in un videomessaggio
    inviato al meeting del Cuamm-Medici con l’Africa, in corso a
    Padova.
        “Nonostante gli impressionanti successi dal punto di vista
    scientifico nello sviluppare rapidamente numerosi vaccini sicuri
    ed efficaci – prosegue Fauci – la loro distribuzione, come anche
    quella delle varie cure, non è stata uguale in tutto il pianeta.
        Una situazione dolorosamente ovvia a voi che lavorate in Africa.
        Dobbiamo fare meglio. Abbiamo l’imperativo morale di proteggere
    i poveri e vulnerabili, nonostante l’efficacia della risposta
    alla pandemia anche nei paesi ricchi che hanno pieno accesso ai
    vaccini e alle cure, affronti sfide difficili”.
        Faucu sottolinea quindi che “una cosa importante che ho
    imparato è quanto siano distruttive le divisioni sociali. Questo
    è particolarmente evidente nel mio paese, le divisioni minano la
    nostra capacità di avere successo”, conclude. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    ++ Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ ++

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - L'Iran "non farà marcia indietro" sulle sue richieste per riattivare l'accordo sul nucleare del 2015. Lo ha detto in un'intervista esclusiva all'ANSA il capo negoziatore di Teheran, il vice ministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, aggiungendo...

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    Capo negoziatore Iran a ANSA, ‘non faremo marcia indietro’ (2)

    (ANSA) - TEHERAN, 04 DIC - Lunedì sono riprese a Vienna le trattative tra Iran, Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia, Cina, e indirettamente gli Usa, per cercare di riattivare l'accordo, dopo oltre cinque mesi di sospensione seguiti all'elezione a presidente in...