• Csc, gas,prezzi e tassi, resilienza industria è alle corde

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 17 SET – “Prezzo del gas record, inflazione e
    tassi più su: contesto difficile nella seconda metà del 2022 Lo
    scenario vira al ribasso”. Così il Centro studi di Confindustria
    nella sua Congiuntura flash dove si sottolinea che “la
    resilienza dell’industria è alle corde, dopo troppi mesi di
    impatto del caro -energia sui margini delle imprese: soffriranno
    gli investimenti”. Per Csc, “l’inflazione record erode il
    reddito delle famiglie e minaccia i consumi, protetti (in parte
    e non per molto ancora) dal risparmio accumulato e i tassi
    rialzati dalla Bce “daranno un ulteriore impulso recessivo”. E
    l’impatto del prezzo del gas sull’economia italiana potrebbe
    valere fino al 3,2% del Pil nel biennio 2022-23. La stima del
    Centro studi di Confidustria è ottenuta con due simulazioni. Con
    il prezzo del gas, fino a fine 2023 a 235 €/mwh (valore medio di
    agosto) l’impatto per l’economia italiana (rispetto alla media
    di prezzo di 99 euro dei primi 6 mesi del 2022) è stimato in una
    minore crescita del pil del 2,2%. Con il prezzo a 298 €/mwh (il
    livello medio atteso dai futures) la riduzione nel biennio
    sarebbe del 3,2%. Con, nei due scenari, 383mila e 582mila
    occupati in meno. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte