• Dagli scandali alle lacrime, ora Soumahoro si autosospende

    Condividi l'articolo

    A poche ore dalla sua apparizione televisiva su La7, a Piazzapulita, dove sarà ospite di Corrado Formigli, Aboubakar Soumahoro ha deciso di auto-sospendersi dal gruppo parlamentare Verdi-Sinistra italiana. Il deputato, entrato in parlamento come paladino dei diritti degli ultimi, dei migranti sfruttati dal caporalato, ha scelto di andare a farsi intervistare a casa di un “amico”, dove è certo di non ricevere domande scomode in merito alla tempesta che l’ha travolto a causa delle attività non nitide delle coop gestite da sua suocera e da sua moglie.

    Nel pomeriggio, Aboubakar Soumahoro è stato convocato dai leader dei Verdi e di Sinistra italiana per un confronto chiarificatore in merito alla sua posizione. Al termine della riunione è arrivata la notizia, confermata da una nota congiunta dell’alleanza: “Abbiamo incontrato Aboubakar Soumahoro per discutere ed approfondire le vicende che da giorni sono al centro della cronaca. Lo abbiamo trovato sereno e determinato“. Va precisato che, nella vicenda giudiziaria, Aboubakar Soumahoro non è coinvolto in prima persona ma è un fatto che la tempesta che ha travolto i suoi familiari incida sulla sua immagine di politico integerrimo.

    Aboubakar Soumahoro ci ha esposto il suo punto di vista e ha annunciato l’intenzione di rispondere punto su punto e nel merito alle contestazioni giornalistiche ribadendo la sua assoluta estraneità alle vicende. Naturalmente sarà lui a farlo, nelle forme e nei tempi che riterrà più opportuni“, si legge ancora nella nota. E, spiegano da Verdi e Sinistra italiana, con la motivazione di voler essere quanto più libero possibile, “Aboubakar Soumahoro ci ha comunicato la decisione di auto-sospendersi dal gruppo parlamentare di Alleanza Verdi Sinistra“.

    Ciò non significa che il deputato non sarà più parte del parlamento ma che per il momento non sarà più un rappresentante dell’alleanza Verdi-Sinistra Italiana. A firmare la nota con la quale si annuncia l’autosospensione sono stati Angelo Bonelli, co-portavoce Europa Verde e deputato Avs, Nicola Fratoianni, segretario Sinistra Italiana e deputato Avs, Luana Zanella, presidente del gruppo parlamentare Avs. “Rispettiamo questa scelta che seppur non dovuta – sottolineano – mostra il massimo rispetto che Aboubakar Soumahoro ha delle istituzioni e del valore dell’impegno politico per promuovere le ragioni delle battaglie in difesa degli ultimi che abbiamo sempre condiviso con Aboubaka“, scrive l’alleanza nella nota, dicendosi convinta della buona fede del deputato e che la vicenda “possa essere chiarita in tempi rapidi e senza alcuna ombra“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte