Dallo sci al ciclismo, 50 anni Obereggen tra turismo e sport

Giu 15, 2022

  • Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 15 GIU – Undici ragazzi e un’idea audace.
        Sembra la trama di una pellicola cinematografica, invece è
    l’inizio di una storia da incorniciare per le future
    generazioni. È la storia di Obereggen e dello Ski Center Latemar
    con le sue altre perle Pampeago e Predazzo: esempio di come
    l’unità tra imprenditori altoatesini e trentini e l’approccio
    attento alle risorse naturali e umane possa spianare la strada
    ad un sogno che sembrava una chimera. Questa storia è racchiusa
    nel libro “50 Jahre Obereggen 1970-2020: Traume, Ziele und
    Erfolge” del giornalista Christian Pfeifer. L’opera è stata
    presentata al rifugio Oberholz di Obereggen, perla
    architettonica a 2096 metri a monte della storica seggiovia.
        Nello stesso incontro è stato presentato il libro del
    giornalista Mario Felicetti che racconta la storia ed il ruolo
    della società Latemar di Predazzo, che oggi fa parte della
    società Obereggen Latemar SpA. Alla presentazione c’erano tra
    gli altri, i soci fondatori Richard Pichler, Georg
    Weissensteiner, Georg Pichler (Zischg); Siegfried Pichler,
    presidente società Impianti Obereggen Latemar SpA,Robert
    Pichler, azionista della Obereggen Latemar SpA; il sindaco di
    Nova Ponente Bernhard Daum e il referente al turismo Christoph
    Kofler, il sindaco di Predazzo Maria Bosin e l’assessore al
    turismo di Tesero Massimo Cristel, il presidente di Val D’Ega
    Turismo Erich Thaler, il presidente della società ITAP SpA che
    gestisce gli impianti di Pampeago Karl Schmid, il presidente
    dell’Associazione Esercenti Funiviari dell’Alto Adige Helmut
    Sartori e Walter Rieder della ditta TechnoAlpin che nel 1983 ha
    costruito proprio a Obereggen il suo primo cannone per
    l’innevamento programmato. 50 anni tra turismo sport ed eventi:
    d’inverno la celebre Coppa Europa di sci e gli spettacolari
    appuntamenti con lo snowboard e d’estate largo soprattutto al
    ciclismo. Scegliendo tra le biciclette tradizionali e le e-bike
    si può imboccare percorsi avventurosi, sentieri nel bosco e
    persino le strade asfaltate che hanno costituito, alcuni anni
    fa, un tratto della emozionante tappa del Giro d’Italia che
    attraverso Obereggen ha condotto all’arrivo di Pampeago. Ma
    anche uno dei punti più belli di un’altra gara ciclistica: il
    giro delle Dolomiti. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Motogp: doppietta italiana in Olanda con Bagnaia e Bezzecchi

    Motogp: doppietta italiana in Olanda con Bagnaia e Bezzecchi

    Francesco Bagnaia ha vinto il GP d'Olanda, classe MotoGP. Sul podio due Ducati, con Marco Bezzecchi secondo. Terza l'Aprilia di Maverick Vinales. Un'altra Aprilia è arrivata ai piedi del Podio, con Aleix EspargaroFabio Quartararo, campione del mondo in carica, è...

    Michel, su price cap a petrolio capire effetti collaterali

    Michel, su price cap a petrolio capire effetti collaterali

    (ANSA) - BRUXELLES, 26 GIU - Al G7 l'Ue è pronta a discutere il price cap sui "servizi relativi al petrolio", per esempio sugli "aspetti finanziari e di trasporto". Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel in conferenza stampa. L'obiettivo, ha...