David Grossman, la pandemia ha ancora tanto da insegnarci

Nov 20, 2021

  • Condividi l'articolo

    E’ un po’ meno roseo lo sguardo di David Grossman sulla pandemia che in un primo tempo il grande scrittore israeliano credeva ci avrebbe fatto tornare più umani.
        “Quando è scoppiata ho pensato che ci avrebbe reso più attenti a come usiamo il nostro tempo e che sarebbe riuscita a mostrare alle persone quali sono le cose più importanti della vita. E invece ha prevalso l’ignorare, lo scappare, il non pensarci” dice Grossman a Roma per l’eccezionale incontro in anteprima, condotto da Marino Sinibaldi, della fiera della piccola e media editoria ‘Più Libri più liberi’ dedicata al tema della Libertà, che si inaugura il 4 dicembre alla Nuvola dell’Eur.
        “Non so se abbiamo capito fino in fondo come quello che è accaduto ci ha cambiato, come modificherà i rapporti con gli altri, come influirà sulla nostra idea di mortalità. E’ un atto di resistenza. Io ho conosciuto la disperazione totale in altri momenti della mia vita. Per me la capacità di sperare è questo: lanciare un’ancora verso il futuro e poi aggrapparsi alla cima dell’ancora e tirarsi fuori. Abbiamo capito molte cose di questa pandemia sul versante medico, sanitario, ma ci sono tante altre cose che non abbiamo capito” spiega Grossman, in Italia con l’ultimo libro uscito nel nostro Paese ‘La vita gioca con me’ (Mondadori).
        In prima fila nella sala del Maxxi che ospita l’appuntamento un altro big della letteratura, Jonathan Safran Foer, il 20 novembre protagonista della seconda anteprima della Fiera che lo ascolta attento e lo applaude.
        “‘Il tuo libro ‘Vedi alla voce: amore’ mi ha cambiato la vita nel senso che mi ha dato improvvisamente la sensazione di ciò che era possibile. Io che insegno dico sempre ai miei studenti dovete obbligatoriamente mettervi nei panni, sentire, provare una mancanza disperante. Però attenzione perchè ci sono due tipi di disperazione: una è quando dici non riusciremo a fare niente di valido, l’altra è la disperazione che ti fa dire nessuno fa mai niente di valido. Quest’ultima non va bene” dice Safran Foer. Grossman il 21 novembre sarà a Bookcity a Milano, il 22 novembre a Omegna per ricevere il Premio Letterario ‘Della Resistenza’ Città di Omegna e il 23 novembre a Brescia dove al Teatro Sociale andrà in scena, dopo il debutto milanese, il primo spettacolo teatrale in Italia tratto da un suo libro ‘Caduto fuori dal tempo’ (Mondadori), con progetto, adattamento, regia e interpretazione di Elena Bucci e Marco Sgrosso e Simone Zanchini dal vivo alla fisarmonica.
        Ma c’è un libro che l’autore di ‘Vedi alla voce amore’ associa alla libertà che sarà la domanda per tutti gli ospiti della fiera? “E’ quasi impossibile rispondere. Non si può mai dire un solo libro. Forse la prima volta che ho avuto questa sensazione di liberazione è quando ho letto lo scrittore ceco Bohumil Hrabal.
        Un autore che scrive a tutto campo, che non cerca mai di ossequiare, adulare e compiace nessuno. Un’esplosione di fantasia, eroismo, sessualità. Mi ricordo una sensazione di sollievo quando lo ho letto, avrò avuto 18-19 anni e ho pensato ‘si, si può scrivere così’. Un altro libro che mi ha cambiato è stato ‘Zorba il greco’ di Nikos Kazantzakis e poi il grande scrittore Bruno Schulz. Quando lo ho letto è come stato se qualcuno mi avesse aperto gli occhi. Un’esplosione di fantasia e immaginazione straordinaria” racconta Grossman. E aggiunge che da queste letture “più che ispirato è stato ricreato da capo.
        Adesso mi succede meno però mi piaceva tanto l’epoca in cui una lettura mi aiutava a decollare”.
        Ma anche scrivendo un libro ci si libera? “Quando scrivo un romanzo tutti i personaggi che creo devo conoscerli e capirli, anche se sono odiosi, se fanno cose orribili. Non puoi ignorare lo sguardo dell’altro” dice lo scrittore. Vale per la scrittura, per la vita, per il rapporto tra israeliani e palestinesi: “se riuscissimo ad ascoltare veramente, a esporci, a denudarci difronte alla storia dell’altro, non dico del nemico, senza credere mai che questo ci distrugga, riusciremo perlomeno a creare qualcosa che comprenda entrambi i punti di vista. La chiave è la resa totale. Quando scrivevo ‘A un cerbiatto somiglia il mio amore’ ci ho messo anni a entrare in contatto con la protagonista, una donna, mi sembrava di non riuscire a conoscerla così ho deciso di scriverle una lettera. Bisogna permettersi di farsi portare via dal personaggio”.
        Durante il lockdown, Grossman ha scritto e letto ma si è dato una regola: “scrivere per bambini e leggere solo scrittori più vecchi di me. In quei momenti di pesantezza, timore, paura, disperazione, quando la gente si sentiva compressa e ristretta in tutto noi che scriviamo potevamo allargarci, ampliarci. La scrittura ti da modo di trovare un luogo di gioia e profondità.
        Ti libera dalle regole della natura”.
        In ‘La vita gioca con me’, un viaggio nella memoria e nella storia di tre donne indimenticabili: Vera, Nina e Ghili, quello che piace allo scrittore “è che queste tre donne trovano un modo di convivere con un grande trauma, non lo negano ma si rifiutano di farsi intrappolare. Riescono ad ammorbidirlo e questo consente di tornare l’una nell’altra. Questa è la principale lezione che ho imparato da questo libro” afferma esile e delicato Grossman. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Addio al doppio mandato. L’ultima giravolta dei grillini

    Addio al doppio mandato. L’ultima giravolta dei grillini

    Era l'ultimo tabù, l'unico residuo dell'ideologia pentastellata che ancora restava in piedi dopo l'apertura al finanziamento pubblico ai partiti. Ora anche il tetto ai due mandati per gli eletti grillini verrà superato. Ma non formalmente, perché l'idea non piace...

    Nba: LeBron James multato per ‘gesto osceno’

    Nba: LeBron James multato per ‘gesto osceno’

    (ANSA) - LOS ANGELES, 27 NOV - Alla star dei Los Angeles Lakers LeBron James è stata comminata una multa di 15.000 dollari per un "gesto osceno". E' stato anche ammonito dai funzionari disciplinari della Nba per aver giurato durante una conferenza stampa. Lo ha...