Dichiarazione del sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad, sul TTG Travel Experience | Comune di Rimini

Ott 12, 2021

  • Condividi l'articolo

    Nel 2021, pur venendo a mancare quasi completamente l’attività fieristica e congressuale e il segmento di mercato estero, che ha penalizzato soprattutto la città di Rimini, siamo riusciti a recuperare una buona parte della voragine di pernottamenti apertasi tra il 2019 e il 2020, causa pandemia. I dati ci raccontano di un giugno, un luglio e un agosto incoraggianti anche dal punto di vista dei numeri alberghieri e, da quello che percepisco parlando con gli operatori, anche extralberghieri. Questo è il frutto del lavoro del tessuto socioeconomico locale che, già nel 2020 e ancora di più nel 2021, ha dimostrato non solo di non arrendersi ma addirittura di rilanciare nella fase più acuta della crisi pandemica. Sono segnali fondamentali che sottolineano come i privati vogliano esserci, insieme al Comune e a una città che, nei mesi del Covid, ha completato alcuni interventi che daranno un eccezionale impulso a un’offerta turistica che da adesso in poi ha pochi alibi per non definirsi   ’annuale’. 

    Riprendono fiere e congressi, tra breve presenteremo il Capodanno più lungo del mondo che riaprirà in qualche modo, pur con tutte le cautele del caso, la stagione degli eventi. Su quest’ultimo aspetto dico già che il tema sarà quello del mood complessivo con cui si organizzerà Rimini sotto le feste: speciale, diffuso, ricco di emozione, al di là insomma del singolo grande evento. 

    Durante il TTG si parlerà di futuro del turismo, in ogni parte del mondo. Come Rimini le sfide che abbiamo davanti, già a partire dall’anno prossimo, saranno la ripresa del mercato estero, la promozione internazionale della città d’arte, l’avvio della riqualificazione alberghiera in fascia turistica, i link e la sinergia con gli altri Comuni della costa e l’entroterra. Non nascondo, nel breve periodo, una mia personale preoccupazione avendo dato una scorsa alle proiezioni inflattive, causate dall’aumento stellare del prezzo delle materie prime e la susseguente ricaduta sui consumi delle famiglie. Questo rischia di essere una doccia gelata sull’industria turistica nazionale, ancora febbricitante. In questa esatta fase, la vacanza va promossa con tutti gli interventi possibili, e non penalizzata. Occorrono interventi diretti e indiretti da parte dello Stato italiano perché un’altra volta, dalla contrazione dei consumi pro capite, quello che rischia davvero di uscirne ancora una volta con le ossa rotte è proprio il turismo. Noi, come Comune, siamo intenzionati ad andare avanti sia nell’opera di rigenerazione urbana che, in quella apparentemente più piccola, delle misure a sostegno del tessuto imprenditoriale (opera space). Ma il tema c’è tutto”. 


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    Portuali Trieste, dietrofront, la protesta continua

    (ANSA) - TRIESTE, 17 OTT - Dietrofront del Coordinamento dei portuali triestini che, dopo il comunicato diffuso in serata, confermato dalla conferenza stampa tenuta dal leader Stefano Puzzer, è tornato sulla propria decisione sostenendo in un breve messaggio sui...

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    Verona: Tudor, ci prendiamo primo tempo e lavoriamo

    (ANSA) - MILANO, 16 OTT - "Un vantaggio di 2-0 non lo vogliamo più, è già la terza volta": lo dice sorridendo Igor Tudor, a Dazn, al termine della sconfitta subita dal Milan a San Siro dopo che il suo Verona era riuscito a conquistare un doppio vantaggio nel primo...