• Donato Carrisi, “mi scambiano per il figlio di Albano”

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – ROMA, 16 NOV – “Mi hanno scambiato più di una volta
    per il figlio di Al Bano, l’ultima volta l’altro giorno a Roma”.
        Lo ha raccontato lo scrittore Donato Carrisi, che ha lo stesso
    cognome di Al Bano, con cui condivide anche le origini pugliesi,
    ospite di ‘Un Giorno da Pecora’ su Rai Radio1. Cosa è successo
    l’ultima volta a Roma? “Ero in un taxi che avevo prenotato
    tramite app, quindi il guidatore conosceva il mio cognome. Ad un
    certo punto ho telefonato a mio padre e il tassista, pensando
    che fosse Al Bano, mi dice ‘mi saluti il Maestro’. Non sono
    riuscito a smentirlo e quindi gli ho risposto: ‘certo, come
    no’…” racconta lo scrittore, autore di fortunati thriller come ‘Il suggeritore’, ‘La ragazza nella nebbia’ e ‘La casa delle
    voci’. E’ vero che non scrive mai di notte i suoi libri? “Non
    riesco a scrivere di notte perché sono anche io inquietato da
    ciò che scrivo”. Si fa paura da solo…”Certo, altrimenti non
    funzionerebbe: non si compra la carne da un macellaio
    vegetariano”. Secondo lei, chi potrebbe essere il nuovo
    segretario del Pd? “Letta non mi dispiace ma se proprio devo
    fare un nome direi Franceschini, che ha fatto molto bene come
    ministro della Cultura”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte