• Donna carbonizzata a Modena, il marito ascoltato dai Pm

    Condividi l'articolo

    (ANSA) – MODENA, 09 DIC – “Ha risposto a tutte le domande,
    resta a disposizione qualora fosse necessario sentirlo
    nuovamente. Credo che non ci siano ombre sulla sua posizione,
    mentre trovo che l’ipotesi di un suicidio sia assolutamente da
    escludere”. Sono le parole dell’avvocato modenese Luca Lugari,
    questa mattina all’uscita dalla procura di Modena dove il suo
    assistito, Nicholas Negrini, è stato ascoltato, su sua
    richiesta, all’incirca per un’ora dai pubblici ministeri
    Claudia Natalini e Giuseppe Amara in merito alla morte della
    moglie Alice Neri, 32enne i cui resti, bruciati, sono stati
    trovati nella sua auto distrutta dalle fiamme in una zona di
    campagna nel Modenese, tra il 17 ed il 18 novembre scorsi.
        Negrini è indagato insieme ad un altro uomo, conoscente della
    donna, mentre indiscrezioni finora mai confermate ufficialmente
    parlano del possibile coinvolgimento di un terzo soggetto nelle
    indagini.
        “Siamo di fronte – aggiunge Lugari – ad un mosaico con
    centinaia di tasselli che gli inquirenti stanno cercando di
    comporre e mettere insieme. Stanno lavorando giorno e notte per
    arrivare ad una verità. Il mio assistito ha confermato quanto
    già aveva riferito ai Carabinieri, nell’immediatezza dei fatti,
    ha risposto in merito a tutti i suoi spostamenti. Ha un alibi –
    continua il legale – e stamattina abbiamo fornito ulteriori
    precisazioni sugli orari e loro – gli inquirenti, ndr –
    cercheranno di colmare i buchi di pochi minuti che ci sono.
        L’ipotesi di un terzo uomo? Su questo preferisco non
    rispondere”, conclude l’avvocato Lugari. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte