Due difetti nel piano di Giorgia

Mag 11, 2022

  • Condividi l'articolo

    Dal 1995 l’elezione popolare diretta del capo dello Stato è il cavallo di battaglia di Silvio Berlusconi. E il motivo è di solare evidenza. L’elezione popolare diretta del capo dello Stato e il presidenzialismo incidono sul sistema dei partiti e propiziano il bipolarismo.

    Se il Parlamento in seduta comune a gennaio ci ha dato uno spettacolo desolante, al punto che alla fine i capigruppo della maggioranza hanno scongiurato Mattarella di restare al proprio posto, perché non far eleggere direttamente il capo dello Stato dal popolo sovrano?

    Ai tempi della commissione bicamerale, Fini si accontentò della pura e semplice elezione diretta nel quadro della forma di governo parlamentare. Più avveduta del presidente di Alleanza nazionale, ci vuol poco, Giorgia ha pensato che non poteva bastare. Occorreva un semipresidenzialismo alla francese. Tanto più che il nostro parlamentarismo ha retto finché partiti forti hanno compensato istituzioni deboli.

    Purtroppo il famoso ordine del giorno Perassi approvato all’Assemblea costituente è rimasto un pio desidero perché quei correttivi stabilizzatori che auspicava sono rimasti sulla carta. Del resto, ci sono parlamentarismi buoni come quello inglese e parlamentarismi meno buoni come quelli della Terza e della Quarta Repubblica francese. Così come ci sono semipresidenzialismi meno buoni come quello della Seconda Repubblica francese, quando Luigi Napoleone, le Petit rispetto al grande zio, fece il colpo di Stato.

    Una ricetta, il presidenzialismo e dintorni, prospettata sia da uomini di sinistra come Léon Blum, Piero Calamandrei, Randolfo Pacciardi e Bettino Craxi, con la supervisione di Giuliano Amato, sia da uomini di destra come Giorgio Almirante, in odio a una partitocrazia ben denunciata da Maranini. E oggi più che mai l’intero centrodestra è schierato a favore del presidenzialismo. Valgono poi le considerazioni di Vincenzo Cuoco riprese poi da Giovanni Giolitti: se un popolo ha la gobba, il sarto si deve adeguare.

    Tuttavia la proposta della Meloni ha due nei. Dopo aver disegnato un presidente della Repubblica come vero capo del potere esecutivo, gli si attribuisce un ruolo di garanzia: le due cose fanno a pugni. E poi prevede la mozione di sfiducia costruttiva, tipica dei regimi parlamentari o addirittura assembleari, dove il Parlamento disfa e fa i governi a piacimento. In barba al capo dello Stato. E allora urgono costituzionalisti, possibilmente bravi. Ma Giorgia non dovrà cercarli con il lanternino. Da che mondo è mondo si corre sempre in soccorso del vincitore. O presunto tale. In Italia più che altrove.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte

  • Roland Garros: Trevisan al 3/o turno, polacca Linette ko

    Roland Garros: Trevisan al 3/o turno, polacca Linette ko

    Procede Martina Trevisan che approda al terzo turno del Roland Garros, secondo Slam del 2022, in corso sulla terra rossa parigina. La 28enne mancina di Firenze, n.59 WTA ("best ranking"), reduce dal primo titolo WTA conquistato a Rabat proprio alla vigilia dello Slam...

    Omicidio dell’ex vigilessa Laura Ziliani, confessa Mirto Milani

    Omicidio dell’ex vigilessa Laura Ziliani, confessa Mirto Milani

    (ANSA) - BRESCIA, 25 MAG - Svolta nelle indagini sul delitto di Laura Ziliani. Mirto Milani ha confessato l'omicidio dell'ex vigilessa di Temù, in provincia di Brescia, avvenuto l'8 maggio di un anno fa. Lo ha fatto nel corso di un lungo interrogatorio in carcere che...